Home / Psicologia didattica / PSICOLINGUISTICA SCIENTIFICA

PSICOLINGUISTICA SCIENTIFICA

ATTIVITÀ     PROPRIA   E     COMUNICAZIONE

 

Le indagini citate finora si riferiscono a illustrazioni, a oggetti reali o all’attività del modello (Haseloff, 1970). Sorge qui la domanda:

  1. “ Qual è il rapporto tra mezzi comunicanti e attività dello   scolaro “?

Finora è stata ignorata l’attività del discente, alla quale hanno invece dedicato numerose indagini gli psicologi russi. Sciorokova e Lapkina (1948, in Zincenko, 1969)esaminarono la formazione delle immagini, delle rappresentazioni degli oggetti e i mezzi dell’attività  pratica, e giunsero alla conclusione che fattore primario della memorizzazione non é l’oggetto in sé, anche se attraente, bensì l’attività.

 

”Non la forma, la grandezza o il colore del materiale e degli strumenti come tali determinano l’Immagazzinamento della rappre-sentazione, bensì il loro significato   per la  attività propria e la soluzione del compito pratico“ In Zincenko(1969, p. 221).  Media percepiti durante un’attività  propria  vengono ricordati nella misura 81% dei casi. Risultati analoghi ottenere Alexan-drova( in Zincenko, 1969) che sperimentò  con scolari in labora-torio. Ella dimostrò che l’attività propria ha un’importanza preminente sulla strutturazione dell’oggetto. Quale che incide più sulla rappresentazione mentale di un oggetto è il rapporto dell’allievo con l’attività oggettuale, fornendo i seguenti dati. Se esisteva un rapporto positivo tra oggetto e attività propria allora i primi venivano riprodotti nella misura del 94%. Se il rapporto era indifferente la percentuale scendeva a 72% e diventava 44% se il rapporto era negativo.

Il ruolo determinato dell’attività dello scolaro viene sottolineato da Teplov (in Zincenko, 1969) anche per la rappresentazione acustica, come quella musicale. Da questi  risultati si deducono  seguenti i principi.

  1. a) la disposizione della materia e
  2. b) l’organizzazione dell’attività dello scolaro durante la

L’allievo non deve solo guardare figure, oggetti reali, o l’attività dell’insegnante,  ma deve lui medesimo agire, maneg-giare, manipolare gli oggetti, eseguire esperimenti, ecc. Soltanto in questa caso il profitto del discente diventa massimo. La lezione deve essere organizzata in maniere tale che anche  lo scolaro participi quanto più possibilità all’attività del docente. Nel metodo tradizionale l’attività dello scolaro  veniva completamente ignorata. L’allievo restava completamente passivo,

spettatore. Nella nuova didattica egli deve agire, interagire con

l’insegnante, e con gli oggetti.

Il metodo didattico  che più  include l’attività del discente è quello sperimentale-cognitivo (14.8) e quello cooperativo. È quindi necessario che l’insegnante impieghi al massimo questi metodi, validi per tutte le materie. Lo stesso  vale per i compiti per casa, dove possono essere assegnati  compiti tali che richiedono l’attività del discente, e non solo  esecuzione passiva di compiti assegnati.
Ad es. se si studiano le figure piane della geometria, si può assegnare come compito: L’allievo deve cercare a casa sua o fuori

5 oggetti che contengano un rettangolo, rilevarne da sé le misure e poi calcolarne la superficie, il diametro. Se si studia la geometria solida, l’allievo  deve cercare 5 oggetti che  abbiano la forma di cilindro, rilevarne da sé le misure, e poi calcolarne superfici laterali o totale, e il volume, la lunghezza del diametro ecc lo stesso può fare per altre figure geometriche.

In questo procedimento  subentra l’attività propria  dell’
allievo. Lui è indotto ad agire rilevando le misure degli oggetti. Lo stesso può avvenire per compiti di altre discipline, come dover  riempire formulari, telegrammi, lettere,  comprare oggetti al supermercato, ecc anziché farne  la semplice descrizione.

 

 

Facebooktwitterrssyoutube

About Francesco Bertelli

Check Also

PIETRO IL CRETINO

  DIMOSTRAZIONE   DELLA    CRETINERIA  DI   PIETRO, E  DI  GESÙ           …

9 comments

  1. I feel the admin with this site is truly making
    an effort in support of his web site, since here every information is quality based data.

  2. Hello, i think that we saw you visited my site thus i got to
    return the favor.I’m trying to find what you should improve my website!I suppose its
    ok to use a few of your ideas!!

  3. My partner and i also stumbled right here from a different page and thought I might check things
    out. I really like the things i see so now i’m following you.
    Look forward to looking at your internet page for any second time.

  4. I actually have been exploring for a bit for almost any high-quality
    articles or blog posts for this sort of area . Exploring in Yahoo I ultimately stumbled upon this internet site.
    Studying this information So i am just glad to exhibit that I have an incredibly
    perfect uncanny feeling I discovered exactly things i needed.
    I most for certain will make certain to usually do not fail to remember this site
    and provide it a glance on a continuing basis.

  5. This is really interesting, You are a very skilled blogger.
    I have joined your feed and look forward to seeking more of your great post.
    Also, I have shared your web site in my social networks!

  6. Today, I went to the beach with my kids. I found a
    sea shell and gave it to my 4 year old daughter and said “You can hear the ocean if you put this to your ear.” She put the shell to her
    ear and screamed. There was a hermit crab inside and it pinched her
    ear. She never wants to go back! LoL I know this is totally off topic
    but I had to tell someone!

  7. Hey there! Do you know if they make any
    plugins to safeguard against hackers? I’m kinda paranoid about losing everything I’ve worked hard on. Any
    suggestions?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *