Home / Psicologia didattica / PSICOLOGIA DIDATTICA GENERALE

PSICOLOGIA DIDATTICA GENERALE

ISTRUZIONE PROBLEMATIZZANTE

 

Partendo  dal principio  che  “la capacità  a pensare  si sviluppa  soltanto  nel processo  di attività “,  Machmutov (1974 )  propone  una istruzione  problematizzante, per  favorire  lo sviluppo  psichico e intellettivo. Numerosi  psicologi hanno  già da  tempo scoperto  che “lo sviluppo psichico non é caratterizzato soltanto dalla  quantità  e qualità del sapere acquisito, ma anche dalla struttura del processo ideativo, dalla ricchezza e dalla retta applicazione delle operazioni  logiche e dei processi che lo scolaro domini “ (Machmutov, 1974, p.271 ). Per chiarire i problemi inerenti alla intelligenza,  hanno analizzato il decorso psichico del pensiero e con questo procedimento hanno fatto rile-vanti scoperte, introdotte già nella riforma scolastica iniziata nel 1969-70 in Russia.

Le caratteristiche di questa nuova didattica é la problema-tizzazione della istruzione, in opposizione al metodo tradizionale di tipo esplicativo-illustrativo. Tuttavia la didattica problema-tizzante non sopprime la didattica tradizionale solo la completa.

Nel vecchio procedimento l’argomento veniva spiegato e lo scolaro lo assorbiva. Ciò é adeguato per l’acquisizione di nozioni, ma non contribuisce allo sviluppo psichico e in particolare dell’intel-ligenza. Zankov(1968, in Machmutov 1974)ha dimostrato che ”l’i-struzione con alto livello di difficoltà che l’allievo riesca a padroneggiare,  accelera il processo di sviluppo psichico“ (Mach-mutov, 1974, p.277 ). Il sapere non si misura in base alla sua quantità ma anche secondo il metodo con cui esso viene trasmesso.
L’appropriazione sia del sapere come del metodo di acquisizione contribuisce allo sviluppo della capacità intellettive. Teoria e pratica confermano la tesi che una problematizzazione pianificata dei compiti scolastici é necessaria, se si vuol far sviluppare anche l’intelligenza del allievo.

Questo può essere raggiunto in maniere diverse, riducendo i momenti esplicativi dell’insegnante e aumentando quelli del pensiero dell’allievo. Machmutov propone i seguenti punti:

 

  • Motivazione. La dinamica della didattica problematizzante é basata su bisogni interiore e non esteriore. Il pensiero, ossia l’attività ideativi, è costantemente legata a fattori emozionali, che lo mettono in moto. Se si vuol quindi far pensare l’allievo occorre creare una motivazione specifica nel compito.
  • Rilevamento del rapporto reciproco tra problemi ed esperienze pratiche dell’allievo. La scuola dovrebbe scoprire e risolvere i problemi del allievo, partendo da più punti di vista. La soluzione dei problemi deve tener conto dei bisogni vitali dell’allievo, essere in armonia coni criteri dei fini pratici richiesti dalla vita.
  • Applicazione delle più efficienti forme di organizzazione e procedimento nella soluzione di problemi usati dall’

allievo.

  • Individualizzazione della didattica. Un fenomeno viene recepito personalmente dal allievo, rilevato ed elaborato dal pensiero. L’individualizzazione del problema costringe alla differenziazione della materia e del metodo didattico.
  • Strutturazione programmata dell’argomento. Il metodo programmato infatti é sempre  formato da problemi parziali  intermedi uniti tra di loro dalla logica interna. L’acqui-sizione  della compresione di questi problemi  parziali  favorisce la comprensione di quello generale.

 

Per raggiungere  questi scopi l’insegnante  deve tener conto   di altri  punti (Machmutov, 1974):

  1. La materia deve contenere problemi obiettivi della vita quotidiana del allievo (vedi 3. motivazione )
  2. L’insegnante deve essere capace di strutturare, ristrut-turare, riorganizzare la materia, l’argomento secondo ogni necessaria richiesta dall’allievo, e saper scegliere quei temi proposti da lui, per il che occorre un’adeguata  preparazione da parte del docente.
  3. Negli allievi devono essere sviluppate capacità e abilità atte a recepire, rilevare, intavolare e risolvere problemi della vita quotidiana.

 

Quindi l’insegnante deve possedere:(1)preparazione  specifica  nella  propria  disciplina, (2) conoscenza della psicologia e in particolare delle leggi che governano il processo apprendimentale.

 

Bertelli, F.(2016): Didattica generale

Facebooktwitterrssyoutube

About Francesco Bertelli

Check Also

FESSI E FURBI

IL   CANTICO   DELLA    FAMIGLIA     VICARIA .    Rispetto ai contenuti …

9 comments

  1. I each time used to study post in news papers but now when i am a user of net thus from now
    I am just using net for articles or reviews, thanks to web.

  2. Just want to say your article is as astonishing. The clarity
    in your post is just spectacular and i could assume you are an expert on this subject.
    Well with your permission allow me to grab your feed to keep up to date with forthcoming post.
    Thanks a million and please carry on the gratifying work.

  3. Wow, marvelous blog format! How long have you been blogging for?
    you made blogging look easy. The full glance of your site is excellent, let alone the content material!

  4. I could not avoid commenting. Adequately written!

  5. Someone necessarily help to produce severely posts I may state.
    That is the first time I frequented your website page
    and to this point? I amazed using the research you made to make this actual publish incredible.
    Fantastic activity!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *