Home / Psicologia e religione / GESÙ TRADOTTO

GESÙ TRADOTTO

7.10. TRANSIZIONE

 

7.10.1. APPARIZIONE DELL’INTELLETO GUIDANTE       LA COMUNITÀ (s. Donne ) (Mr, 16,1-8)

Passato quell’intervallo, l’ispirazione professionale,  il sentimento zelante, il sentimento avverso all’intelletto  imitante, si occuparono di nuovo della repressione per consolidarla.

Già all’inizio  della nuova fase si concentrarono  sul tema  della repressione. Esse riflettevano: “Chi potrà rimuovere   la pesante forza della repressione?”  Ma   osservando rilevarono che la pesante forza della repressione era stato spostata, nonostante essa  fosse molto grande.  Approfondendo questa situazione videro un IGNOTO E AFFASCINANTE  RUOLO e si spaventarono.

Ma quegli  significò: “Non abbiate paura. Voi cercate  l’intelletto riscattatore, il martoriato. Egli è riemerso e non è qui.  Ecco, questa  è la sfera dove l’avevano represso.

Ora andate e comunicate ai suoi seguaci e all’io-conscio di  Pietro, che egli vi precede nelle sfere teoriche.  Lì  egli sarà  nuovamente attivo  e lo osserverete”.  Ed esse  abbandonata quella tematica,  andarono via perché erano spaventate.
E  non comunicarono niente a nessuno  per paura.

7.10.2.  INCARICO  PROFESSIONALE DATO AL COMPORTAMENTO         ( Giovanni, 21,  15-18)

Quando i seguaci ebbero comunicato, l’intelletto  significò  all’Io-agente : ” Io-cosciente,  ricercante,  sei tu mio fautore  più  di costoro?”  Gli replicò: ” Certo, sapiente Intelletto, lo sai  che io  sono tuo fautore”

Gli  significò: ” Assisti i miei trovatelli “.  Poi gli significò di nuovo: ” Tu, oh Io-agente ricercante,  sei mio fautore?”  E l’altro gli replicò: “Certo,  tu sai che io sono tuo fautore”  E allora gli  comunicò  : ” Assisti i miei trovatelli “.  Infine per la terza volta  chiese:” Tu io-agente, affine all’impegnato, sei mio fautore?”   E l’Io-agente  rimase  addolorato perché  per la terza volta  gli  chiedesse:  Sei tu mio fautore?  E gli significò ” Sapiente, tu sai tutto,   tu sai benissimo  che io sono tuo fautore”
E l’intelletto Riscattatore  gli  significò: ” Assisti i miei trovatelli ”
In verità, in verità  vi  dico:  Quando  tu eri giovane ti vestivi da solo e andavi dove tu volevi;  quando sarai  anziano   un altro ti vestirà e   tu andrai  dove tu non vuoi”.  E  ciò significato  aggiunse: ”  Esegui  le mie richieste”

NOTA: In questo sogno, che i teologi assumono come consegna della missione a Pietro da parte di un Ente trascendente, detto Dio, l’intelletto meditante incarica  l’io-agente  di dedicarsi all’assistenza dei diseredati, facendone la sua professione. In realtà è una funzione psichica, che dà l’incarico  a un’altra, quella esecutrice, di svolgere questo ruolo, entrambe  residenti

nella corteccia cerebrale e nel cranio di Pietro  e non  fuori.

È l’interazione fra  due funzioni psichiche e non fra un Ente estrarreste  e un uomo.  Si tratta dell’impegno professionale di Pietro, come realizzazione della sua vocazione quale operatore sociale sviluppatasi nella prima infanzia e registrata nell’impronting.

 

7.10.3.  RIEMERSIONE  DELL’INTELLETTO MEDITANTE            ( Marco,16, 9-20)

Attivato all’inizio della nuova fase dopo la pausa, emerse accostandosi all’ispirazione assistenziale ( s. Maria Maddalena) dalla quale  aveva eliminato  la volubilità.  Questa andò a comunicarlo ai sostenitori che erano in lutto.  Ma essi, udito che  l’intelletto meditante  fosse ancora attivo,  ed  era stato  sentito da lei,  non ci credettero. Dopo di ciò,  apparve a due  di loro mentre questi trattavano di problemi umani. Anch’essi tornarono a comunicarlo agli altri. Ma quelli neanche a loro vollero credere.

Alla fine apparve a tutto il gruppo, mentre essi discutevano   e si rimproveravano  la loro resistenza e poco sentimento,  perché non avevano creduto a quello che avevano sentito.

L’intelletto  significò loro:” Andate in tutto il mondo  e annunciate l’istituzione riscattante a ogni uomo.  Chi crederà  e sarà affiliato, sarà salvo,  ma chi non crederà  sarà  condannato “.

E questi  sono le prove che  accompagneranno quelli che

hanno creduto:  con la forza del mio essere essi estingueranno  i disturbi psichici  e parleranno lingue straniere di tutto il pianeta;

Prenderanno in mano serpenti velenosi, e anche se morsi non subiranno male alcuno;  toccheranno con le mani i malati  e questi guariranno”.

19   L’Intelletto meditante, dopo aver comunicato  con loro, fu definitivamente rimosso dal conscio, e si ritirò accanto   al Sé nell’inconscio [ di Pietro ]

Allora essi, i discepoli,   sentirono  il bisogno di partire e divulgare  dappertutto, mentre l’intelletto Riscattatore  li ispirava, e confermava  i racconti sognici  con i prodigi che  i discepoli compivano in nome suo.

NOTA: non solo durante l’allucinazione della Pentecoste  ma anche dopo, Pietro continuò a credere che  i  suoi seguaci  “parlassero le lingue straniere”, e che  “essi  toccando gli  ammalati  li guarissero”.  È chiaro  che egli soffrisse di confusione mentale,  perché credeva di esser abile a a) parlare le lingue straniere,  b)  a guarire tutti i tipi di malattie anche quelle organiche.

Giova precisare: Pietro leniva solo i disturbi  dei figli abbandonati, per mezzo  dell’affiliazione  e non per il toccamento delle mani.  tale beneficio reale, concerneva solo  i distubipsichici della sindrome di abbandono. Altri tipi di disturbi psichici,  Pietro non fu mai abile di guarire.  Pietro non aveva capito quale il fattore efficiente, che giovava ai abbandonati.

 

7.10.4.  ALLUCINAZIONE: APPARIZIONE   DEL TEOCRATE       A  DUE  FUNZIONI.  ( Emmaus )  Luca, 24, 13-35)

Ed ecco in quello stesso giorno, due funzioni  si concentrarono sugli eventi accaduti recentemente.

Mentre essi discutevano l’intelletto  Riscattatore  si insinuò nei loro discorsi e discuteva  con loro. Ma essi non sapevano distinguere gli argomenti  dell’intelletto. Ed esso comunicò loro:”

Che cosa sono questi discorsi che state facendo mentre  vi concentrate sulla comunità?”   Uno di loro  gli comunicò:” Solo tu non conosci questi eventi?”  Domandò:”  Che cosa?”  Uno di loro gli comunicò  :” Solo tu non conosci questi eventi?”  Domandò:”  Che cosa?”  Tutto ciò che riguarda l’intelletto rivoluzionario, che fu un potente raccoglitore-di-sogni, nei racconti e nelle azioni, davanti al Sé e ai seguaci; gli atteggiamenti moraleggianti lo hanno rimosso e torturato.    Noi speravamo che fosse lui a liberare la fazione  dei diseredati.

Dopo tutto ciò è passato già un lungo periodo  di tempo. Ma alcuni atteggiamenti della nostra fazione ci hanno sconvolti:  andate a consolidare la repressione  e non avendo trovato   quella funzione, ci comunicarono che essi ebbero dei  sentori di messaggi dal Sé, i quali sostenevano che egli fosse ancora attivo.

Alcuni dei nostri sono andati al settore delle rimozioni  e  hanno trovato come  era stato detto, ma lui non l’hanno trovato”

Ed egli significò loro:” Stolti e tardi nel credere ai racconti sognici dei raccoglitori-di-sogni. Non doveva  l’intelletto   soffrire tali sofferenze, come predetto  dai raccoglitori-di-sogni?”

E iniziando da Aronne ed elencando  tutti i raccoglitori-di-sogni dell’AT, spiegò loro quello che  nelle scritture sogniche   si riferiva a lui.

E come si avvicinarono al tema della Comunità  teocratica   che volevano costituire, egli simulò  di dover andare  ad  altra meta.

Ma quei due lo vollero con sé significando:” Rimani  con noi perché questa fase è alla fine” Ed esso rimase con  loro.

     E  trattando con loro, ricordò l’istituzione dei diritti umani,  la esaltò e dopo averla riconosciuta a   ciascuno di loro,  la diede a fruire a ogni singolo.

Allora essi presero coscienza e lo riconobbero, ma egli subito scomparve dalla loro coscienza.

Ed essi dissero l’un l’altro: “Non sentivamo ardente desiderio dentro di noi, mentre esso comunicava  con noi e ci illustrava le scritture sogniche?”

In quello  stesso momento si alzarono e ritornarono  nel loro gruppo,  dove erano le altre funzioni.

Esse  significarono: “L’Intelletto Riscattatore  è veramente riattivato ed è apparso all’io-agente di  Pietro il Ricercatore (s. Simone).”

Esse raccontarono le cose avvenute loro durante quella  allucinazione,  e come  avevano preso coscienza di esso

(s. intelletto ) al momento che esso parlò della  fruizione dei diritti  umani (Luca, 24, 13-35).
7.11. INTELLETTO  PRATICO-GOVERNANTE        ( Atti, 1-12) (s.  Giovane fulgente )
I 20 sogni degli Atti prodotti da Pietro e riportati negli Atti (1-12)  furono raccolti da Pietro nelle rotte di Qumran, al nord del mar Morto, là dove abitò,  tra il 30 e il 50 circa. In realtà essi appartengono  al Vangelo.  La differenza consiste nel fatto che nel Vangelo è attivo

l’intelletto meditante (s. Gesù) di Pietro, negli Atti(1-12) l’intelletto pratico-governante (s. Giovane fulgente) la comunità.

Gli Atti costituiscono la continuazione del Vangelo  e informano sulla sua  ulteriore evoluzione psichica

nonché sulla  governanza delle prime comunità cristiane, che sorsero   nelle grotte di Qumran e a Gerusalemme,  dei riti e norme  interne alle comunità  cristiane.

La seconda parte degli Atti ( 13-29) riporta i sogni di Paolo.

 

7.11.1.  ESTINZIONE DELL’INTELLETTO MEDITANTE          (At, 1, 4-11)

Così  ritrovatisi insieme  a loro l’Intelletto ordinò loro  di non allontanarsi Qumran, sede dalla loro comunità. Ma che aspettassero la  promessa del  Sé: “Che voi avete udito dalla mia bocca -egli significò- Perché l’intelletto imitante attenuò i disturbi per mezzo di  emozioni speranzose, ma voi sarete trattati per mezzo  del sapere scritturale, fra non molto tempo”

Così quelli che erano riuniti gli chiesero: ” O sapiente Intelletto, è questo il periodo in cui  instaurerai  la istituzione riscattante  sul popolo dei normali?”

Ma egli replicò:”  Non  spetta a voi sapere i tempi  e le  modalità di tale instaurazione che il Sé  ha stabilito di sua autorità. Ma voi riceverete  forza quando il sapere scritturale  verrà su di voi  e mi sarete testimoni  nella Comunità teocratica  e  fra tutti i normali  e su tutta la terra.”

Comunicate queste cose esso (l’intelletto meditante)  fu rimosso e progressivamente si dissolse  scomparendo  dalla loro coscienza. Mentre essi riflettevano sull’inconscio, ed egli si eclissava progressiva-mente,  dall’inconscio  emerse  l’ignoto  teocrate, sotto forma di due affascinanti ruoli  e significò :” O riflettenti perché  vi occupate di temi dell’inconscio?  Quell’intelletto  ricercante che si è estinto, scomparendo dalla vostra attenzione, ritornerà nella stessa maniera come lo avete visto estinguersi. (At, 1, 4-11)

 

7.11.2. RIFLESSIONI  SULLA COMUNITÀ      ( At, 1, 12-14)

Allora essi sospesero le riflessioni sui temi  appartenenti al  Sé,  si occuparono teoricamente di quelli  della comunità.

Vi erano tutti gli atteggiamenti di Pietro: lo zelante integralista,  l’impegnato, il trovatello, il ricercatore accanito, il missionario  e i bisogni corporei.

Essi ricercavano soluzioni insieme alle emozioni,  con la tristezza (s. Maria madre di Gesù) e con funzioni affini all’intelletto teorico.

 

 

 

7.11.3.  MANTENIMENTO  COLLETTIVO  di PIETRO (S. MATTIA)

( At, 1, 15-26)

 

In quell’epoca l’io-agente di Pietro iniziò ad agire in mezzo ai  diseredati suoi affini ( il loro numero era già  consistente) e significò:” Fratelli, era necessario  che si adempisse quello che nei libri sognici fu predetto dal sapere scritturale  per bocca di Davide  sull’atteggiamento sui  bisogni corporei che guidò le forze di opposizione le quali bloccarono  l’intelletto meditante.   Esso apparteneva al nostro gruppo e aveva ricevuto il medesimo compito.

18   L’atteggiamento dei bisogni corporei, che voleva avere un  lavoro  autonomo  per provvedere al sostentamento, si estinse.

Infatti  sta scritto ne Libro  dei Canti:

Di quel bisogno nessuno si occupi

e nessuno si intrattenga con esso

il suo ruolo  lo assuma un altro.

 

Occorre che tra  coloro che furono compagni durante il tempo   della meditazione  quando l’intelletto meditante fu  presente fra di noi, dal giorno della sua conversione fino a quello  della estinzione, uno diventi testimone della sua estinzione.

Ne furono presentati due, Giuseppe detto  anche il Giusto e Mattia. Allora essi supplicarono il Sé:” Tu, o Sé,  che conosci i sentimenti segreti, quale di questi due  preferisci  che assuma il ruolo  sovraintendente

al sostentamento  lasciato vacante  dalla concezione del sostentamento ottemperato mediante il  proprio lavoro?
( s. Giuda)

Rifletté  su di loro e la scelta cadde sul mantenimento collettivo  (s. Mattia ) che fu aggiunto al gruppo degli undici atteggiamenti  psichici o
undici funzioni psichche
in Pietro.

 

 

NOTA: Mattia sostituisce Giuda: il mantenimento collettivo sostituisce il lavoro proprio per provvedere al proprio sostentamento. In questo sogno Pietro riconosce un posto ai bisogni corporei (s. Giuda), che non possono essere trascurati. Mentre la concezione originaria  sul proprio sostentamento prevedeva un lavoro autonomo su “un campo di terra” come

coltivatore, (s.  “proprio campo”   di terra) ora Pietro abbandona questa idea (s. impiccagione di Giuda su un campo di terra), e mediante il comunismo integrale si fa mantenere dalla comunità: “tutti vendevano i poderi e deponevano il ricavato ai piedi degli Apostoli, che   lo distribuivano ai bisognosi” prima fra tutti a Pietro medesimo.  Non avendo un mecenate come altri fondatori di religione, Pietro ora riceve il sostentamento dalla comunità. Ciò gli lascia tempo libero per occuparsi dell’elaborazione dei molti problemi e difficoltà che tale ruolo richiedeva. Quello del sostentamento dei sacerdoti   è un problema vecchio. Gli sciamani nelle tribù primitive prendevano fino   al 40% del raccolto ( Eliade, 1995)

Il numero “undici”  degli Apostoli, ossia delle funzioni psichiche di Pietro, è identico a quello della

mitologia  greca dell’epoca classica, nella quale vi erano undici dei. Mentre nella mitologia greca venivano  chiamati “fulgenti”  “luminosi” o dei, in quella evangelica “apostoli”.

Dei e apostoli si equivalgono.  I teologi sostengono che

nel Bibbia non esistono  né dei né miti, mentre gli “apostoli

erano  “undici” come nella mitologia greca  e il Vangelo è costituito tutto da sogni, e  la Bibbia dal 56%  libri di sogni.

 

 

 

 

Facebooktwitterrssyoutube

About Francesco Bertelli

Check Also

L’ AUTENTICO FRANCESCO DI ASSISI

FRANCESCO   DI ASSISI,   UN    IDIOTA TEOLOGIZZANTE .     Fig. 1: Sguardo …

13 comments

  1. Yes! Finally something about reviews.

  2. excellent points altogether, you simply gained a new reader.
    What could you suggest in relation to your create that you
    just made a number of days previously? Any certain?

  3. I just could not depart your website before suggesting
    which i really loved the regular information somebody supply for the guests?
    Is gonna be again incessantly to check-up on new posts

  4. I visit each day some websites and information sites to
    read content, however this weblog offers feature based writing.

  5. Excellent post. I am just handling some of these issues at the same time..

  6. naturally just like your web-site however you must take a look at
    the spelling on a number of of your own posts. A number
    turn out to be rife with spelling issues and that i in discovering it very bothersome to inform the truth nonetheless I am going to definitely come again again.

  7. An impressive share! I’ve just forwarded this onto a
    co-worker who has been conducting a little homework on this.
    And he actually bought me lunch because I stumbled upon it for him…
    lol. So allow me to reword this…. Thanks for the meal!!

    But yeah, thanx for spending time to talk about this
    topic here on your web page.

  8. Good day! This is my first comment here so I just
    wanted to give a quick shout out and tell you I genuinely enjoy reading through your articles.
    Can you suggest any other blogs/websites/forums that go over
    the same subjects? Thanks a ton!

  9. hello!,I enjoy your writing so a great deal! proportion we communicate extra approximately your article on AOL?

    I need an expert for this house to unravel my problem.
    Maybe that’s you! Looking ahead to peer you.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *