Home / Formazione insegnanti / PSICOLOGIA DIDATTICA GENERALE

PSICOLOGIA DIDATTICA GENERALE

  NESSUN   POTERE   FORMATIVO   DELLA   STORIA   E
DELLO   STORICISMO   ASSOLUTO.

 

imagesca5epr22imagescad2avbt

Fig.   :  La mafia scolastica  e il crocifisso hanno impedito di introdurre la psicologia scientifica
nelle scuole italiane,  mantenendo per un secolo lo storicismo assoluto
che impedisce l’apprendimento,   non lo favorisce.

 

TABELLA 1: Potere formativo delle discipline
scolastiche. (Da: Thorndike, 1913 e
Haag & Stern (2000)

Disciplina                                                  punti z

Algebra,                                                     3,0
geometria,                                                3,0
trigonometria                                          3,0
psicologia,                                                2,9
sociologia,                                                2,9
economia                                                 2,9
Chimica,                                                   2,7
fisica,                                                        2,7
scienze naturali                                      2,7
Aritmetica                                               2,7
ragioneria                                               2,6
Sport ed esercizio fisico                       0,0
Latino e francese
(come lingue straniere)                     0,8
Inglese ( quale lingua materna)        0,0
teologia                                               0,0
filosofia                                              0,0
storia
                                                  0,0
Disegno,                                                0,0
musica                                                  0,0
Drammaturgia, recitazione            -0,5

z: deviazione standard

Dalla scala di Thorndike(1913) e da quella di Haag
& Stern(2000) ( eseguita dalla scuole tedesche,
risulta che  il potere formativo della storia
è zero, uno zero secco. Senza appelli.
(vedi tabella 1: Thorndike, 1913)
La tesi esposta da B. Croce, solo per semplice enunciazione, ma non supportata da nessuna argomentazione, da nessun dato empirico, secondo cui lo studio della storia sia formativo
è completamente falso, infondato, ed non è mai stato
dimostrato da Croce medesimo.
Non vi è la pur minima dimostrazione. Non vi
è neppur la pur minima conferma dei fatti.
Il filosofo B. Croce che era una soggetto psichiatrico

affetto da gravi anomali del suo cervello e del relativo funzionamento altrettanto anomalo, imitava i profeti dell’AT,  che annunciavano le verità divine, trascendentali, senza nessun dimostrazione, per semplice enunciazione. “Vi annunzio…e poi raccontava..”

Quei soggetti erano talmente malati di mente, che non facevano nessun differenza tra sogno e realtà percepita allo stato di veglia.
Croce imita i profeti della Bibbia e non si accorseche essi erano dei soggetti gravemente ammalati di mente,  affetti della sindrome di abbandono, che gli stessi tgeologi  definiscono “persone spregevoli” ( Bibbia Tob, 1999).
Sulla scie delle ricerche empirico-scientifiche, che fanno capo a Thorndike(1913) e a Haag & Stern ( 2000)
lo stato italiano dichiara ufficialmente che
la storia non ha  nessun potere formativo.
Quelle del filosofo Croce furono delle farneticazioni  di un soggetto psichiatrico, affetto da gravi disturbi mentali. Il delirio di potere e di dominanza,  che lo indusse a attribuire eccessiva rilevanza
al pappagallismo verbale, alla parole come
fecero prima di lui i teologi cattolici, che inventarono il mito della “parola creatrice”.
Ne deriva che anche lo storicismo assoluto non
ha nessuna fondamento reale. Esso viene integralmente
rigettato. Con esso viene rigettato anche la pedagogia
depositaria di tutte le patologie del pensiero teologico e del pensiero filosofico.

 

Bibliografia
DSM-IV, (1996): Manuale diagnostico dei disturbi
mentali. Masson, Milano

Korboz, J.:(1974): Jugendpsychiatrie, Vorlesungen.
Zürich,

Kostjuk, G.S. (1969): Fragen der Denkpsychologie. In:
Hiebsch(Hrg): Ergebnisse der sovjetischen Psychologie. Stuttgart:
Klett, p. 241-366
Lalli, N.(2003): Manuale  di psichiatria  e psicoterapia.
Napoli, Liquori.
Machmutov, M.I. (1974): Einige Besonderheiten des
problemsunterrichts. In: Mitter, W.(Hrg): Didaktische
Probleme und Themen in der URSS. Hannover, Schrödel,
271-283
Correll W. (1974): Einfürung   in  die Pädgogische
Psychologie. Auer, Donauwörth
Piaget,J.(1954): Die Psychologie der Intelligenz. Bern,
Huber
Rubinstein, S.L. (1977): Grundlagen der  Allgemeinen Psychologie
Berlin:  Volk und Wissen
Scharfetter, C. (1974): Allgemeine Psychopathologie.
Huber, Bern
Zincenko, P.I. (1969): Probleme der Gedächtnispsychologie.
In:  Hiebsch  (1969): Ergebnisse der sovietischen Psychologie.
Stuttgart: Klett, p.  191-240

 

Facebooktwitterrssyoutube

About Francesco Bertelli

Check Also

LETTERA AL PRESIDENTE DELL’ UA

  Al   sig.   PRESIDENTE    DELL’  UNIONE AFRICANA   (UA) ALPHA    CONDÉ, ADDIS ABEBA, (ETIOPIA). …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *