Home / Etica Bioevoluzionistica / L’ AUTENTICO FRANCESCO DI ASSISI

L’ AUTENTICO FRANCESCO DI ASSISI

FRANCESCO   DI ASSISI,   UN    IDIOTA
TEOLOGIZZANTE .

 

 

2_francesco 001-iloveimg-cropped (1)

Fig. 1: Sguardo vuoto e spento dell’idiota Francesco di Assisi (Fioretti).

 

INDICE

  1. Francesco, il super-cristiano,
    2. Quadro clinico
    3. Deliri, allucinazioni di Francesco.
  2. “Solitudine e digiuno” in Francesco
    Assisi e loro autentiche cause
    5. Le imbecillità di Francesco
    6. Il cantico della famiglia vicaria
     7. Diagnosi: idiozia, antisocialità,
    paranoidea e megalomania.
  3. INCRIMINAZIONE DI GESÙ.
    8.1. Deontologia medica e psicologica
    8.2. Immoralità di Gesù verso
    Francesco,
    8.3. Immoralità della Chiesa verso Francesco
    8.4. Schiavizzazione dell’uomo: Francesco
    un modello di schiavizzazione
    8.5. Il superuomo cristiano
    9. L’autentico Francesco, un sub-uomo cristiano,
    un idiota teologizzante.
    10. Morale cristiana e morale bioevolutiva
    11. RISULTATI
    12. Bibliografia

 

I teologi, pseudogeni imbecilli e affetti da delirio di dominanza e padronanza, hanno dipinto Francesco come un superuomo in tutte i settori della vita. E lo hanno  dichiarato patrono d’Italia: “il vero”  uomo italiano
A loro dire, Francesco fu un ragazzo felice, superfelice fra altri felici, un puttaniere, anzi il puttaniere  dei puttaniere del medioevo, in un’epoca in cui era di moda lo  studente gaudens e gonnolliere.  A loro dire, tutte le donne del medioevo si innamorarono di lui, erano pazze di lui del suo corpo atletico e palestrato.  Francesco fu il Rodolfo Valentino del medioevo,  un divo. Il divismo non  fu inventato ad Hollywood, ma ad Assisi/Italy, sempre a dire dei teologi  ( vedi biografie dei teologi)
ecc…
I teologI lo hanno dichiarato,
– rex convictum = il re dei conviti,
– rex chiavatorum = il re dei chiavatori,
– “Patrimonio dell’umanità”, il grande santo di
Assisi,
– “ il “ più santo degli italiani”  Pio XII 1939, patrono di Italia, dove a santo si dà una valenza di superiorità;
– fruitore di somma felicità,  la medesima che
essi vorrebbero imporre a tutti gli italiani.

Nelle scuole veniva riportato come il grande operatore di miracoli, il maestro della “perfetta letizia”,  della saggezza di vita, ecc….
Vediamo di cosa si tratta nei fatti.
In realtà e in verità:
“Francesco aveva  disprezzato il mondo e la società, e viveva tutto umiliato e mortificato, da molti era ritenuto  pazzo; e come pazzo era  schernito e allontanato anche con lancio di pietre e di  fango  sia dai parenti che dagli estranei. Ed egli portava pazienza e taceva” (Fioretti, cap I). [Traduzione in italiano moderno].).

Francesco fu “visto spesso vomitare e sputare sangue” da laici, che lo hanno raccontato.I teologi non ne fanno neanche cenno.

Questi dati danno la misura della falsità materiali e della falsità ideologica operata dai teologi e dalla Chiesa  sulla vita di un povero sventurato che fu Fraancesco. Fiumi di fake news.

 

 

  1. QUADRO CLINICO E DATI BIOGRAFICI
    di Francesco di Assisi(1182-1226)
    (Da: DSM-IV, 1996; Kahan, 1974; Remschmidt
    et al, 1979;)

 

 

.

 

Vita prenatale:  anomala  gestazione da parte
della madre, nascita prematura, probabile
travaglio da parto (fratelli sani e normali).
Famiglia biologica: non-accettazione, ostilità,
carenza di empatia e di solidarietà da parte
dei genitori e dei  fratelli.
Imprinting: negativo. Non-accettazione da parte
della madre e familiari, relazione
conflittuale con familiari, anche dopo la
separazione dalla famiglia biologica.
Somatogramma: non rilevato.
Altezza: bassa, inferiore alla media della sua etnia.
Cranio: più piccolo della media della sua etnia,
probabili lesioni cerebrali.

EEG:  non eseguito.
Età ossea: non  rilevata.

Q.I.: disabilità mentale => idiozia
Carenza di pensiero astratto e di soluzione di
problema, di pianificazione, di abilità di
giudizio, ritardo apprendimentale a scuola,
inabilità ad   imparare dall’ambiente.
Suggestionabilità,  credibilità, carente senso
critico.
Salute: malattia polmonare ed epatite con
sanguinazioni e vomiti.
Sempre malaticcio, debile, infermo.
Fu visto più volte sputare sangue e vomitare.
sottonutrizione e denutrizione,  per frequenti
digiuni indiscriminati intrapresi per lenire
i dolori.

Stato psichico: depressione, bassissima
autostima, evoluta in megalomania, paranoia
verso la madre e
il padre e i cittadini che lo disprezzavano e
burlavano.

Personalità: a 32 anni personalità fanciullesca
( a 32 anni)
Rete sociale: completamente vuota. Relazione con
nessuno neanche con madre e fratelli, verso
cui sviluppò paranoia. Detestato e
perseguitato in società.
Antisocialità e paranoia.
Sosia-inconscio: fanciullo pregante
Identità: schiavo, con mantellina dello schiavo,
questuante.  Schiavo di Gesù, l’Altissimo.

Allucinazioni: numerose allucinazioni auditive
e visive ritenute autentici colloqui con
Gesù e Dio (Fioretti)
Sogni: raccolta di sogni, ritenuti cronache
di eventi reali (Fioretti)
Deliri: frequentissimi deliri, i cui contenuti
attribuiti a Dio, Gesù. Credenza di
onnipotenza e di potere magico
 Elaborazione sintomatica: scelse come
guida  i principi del Vangelo, falsamente
interpretati.
Scelse la solitudine e frequenti digiuni
indiscriminati per lenire dolori fisici
e sofferenze  psichiche, attribuite
all’ispirazione  di Gesù.
Assimilazione: assimilò l’ambiente sociale
alle sue condizioni patologiche, fondando un
ordine di monaci, affetti da   disabilità
mentali come le sue, con i  quali  sviluppò
andanti relazioni.
L’ordine dei monaci gli servì quale famiglia
   vicaria  al posto della famiglia  biologica
che lo aveva  espulso (Piaget, 1941).

 

.
Professione: nessuna. Visse di elemosine che
ripagava  con la promessa del paradiso.
Rincorsa di imprese assurde e non necessarie.

Motivo dell’intervento ecclesiale: proclamazione
della salvezza della Chiesa corrotta,
attribuita  all’  “ispirazione divina”.
Attesa di vita:  morte precoce, età 44 anni.
Attribuzionismo (presunta causologia): i teologi
e la Chiesa attribuirono  tutte le sue opere,
allucinazioni  a Gesù, all’”ispirazione
divina”, “comando di Gesù”.


Idolatria e culto della personalità
:
Dalla Chiesa eletto santo e patrono d’Italia
fu oggetto di idolatria e di culto della
personalità.

 

.

 

 

(Ajuraguerra, 1972; Corboz, 1974; DSM-IV, 1996;  Kahan, 1974;  Lalli, 1998;  Lutz, 1963; Remschimidt, et al, 197;   Scharfetter , 1974)

 

 

 

fig.sangue 004

2: Grumi di sangue sputati  simili a
quelli di Francesco (emottisi).
Il sangue proveniva dai polmoni malati, il vomito
veniva causato dal fegato affetto da epatite
che non metabolizzava i grassi.

 

ulcera-epatite 004-iloveimg-cropped-iloveimg-cropped (1)

fig. 3: Francesco fu affetto da epatite. Fu spesso visto  “sputare sangue e vomitare”. Il vomito veniva generato  dall’epatite, mentre il sangue dai bronchi malati, di cui fu affetto per tutta la vita.

  1. DELIRI, ALLUCINAZIONI DI FRANCESCO.

 

Francesco ebbe molti  deliri e allucinazioni riportati  nei Fioretti, redatto da un altro monaco, anche lui disabile mentale.
Nei Fioretti ne vengono narrati oltre 50 per esteso, e centinaia per semplice menzione. Ma Francesco credette che essi fossero cronache autobiografiche,  i cui contenuti fossero realmente accaduti di giorno.

Così le prediche agli uccelli, alle rondini, alle cornacchie, ai pesci ecc
i suo colloqui con Gesù, Madonna Dio, colloqui con gli uccelli, i colloqui con i lupo ecc.

Sogni e allucinazioni rispecchiano i contenuti della sua psiche, descritte per immagini ossia simboli onirici,  nelle varie fasi della sua vita, dai quali si possono trarre  autentiche informazioni del suo stato  e dei disturbi  psichici.

Sia lui, disabile mentale, che i teologi, anche loro pseudogeni disabili mentali, credettero che gli eventi di quei deliri e di alcuni sogni fossero accaduti nella realtà, e non fosero delle immagini di eventi creati dal suo inconscio.
E  gridarono  “al miracolo, al miracolo” come già fecero con i 154 sogni del Vangelo, prima da Pietro e poi dai teologi creduti eventi reali.
Essendo i sogni, le allucinazioni e i deliri dei prodotti dell’inconscio sono codificati in codice analogico espresso per immagini, ossia simboli onirici.  Pertanto essi prima verranno tradotti in codice digitale espresso per concetti, quello in uso allo stato di veglia prodotto dal Io conscio, e poi verranno interpretati.

A. I SOGNI

  1. Il lupo e le anatre
    2. Il lupo di Gubbio1. Il lupo e le anatre

(Sogno: testo per simboli)   “Un giorno S.Francesco mentre pregava vide che una donna fu aggredita da un lupo molto feroce. Mentre  aggrediva la donna, il lupo addentò  il bambino  e se lo portò via. Vista la scena il santo chiese a delle anatre di rincorrerlo. Le anatre riuscirono nell’impresa, questo avvenimento rimase nella storia francescana, ancora se ne parla” (Fioretti )

TRADUZIONE IN CONCETTI

(Testo per concetti)     “Un giorno mentre l’Io conscio di Francesco rifletteva sulla sua vita rivolse il suo pensiero all’odio che fin da bambino portava verso sua madre  nel ruolo di mamma,  che lui, Francesco, odiava  per la cattiva conduzione della gestazione e delle malattie  create durate tale periodo (responsabile delle sue malattie e menomazioni).
Allora l’Io conscio rilevò che ora aveva una famiglia, le clarisse, le quali gli erogavano affetto e compagnia. E allora l’Io conscio desiderò che l’odio, un sentimento che intossicava la sua psiche, si calmasse.  E la paranoia progressivamente si estinse.”

 

  1. SOGNO: Il lupo di Gubbio.
    A Gubbio c’era un lupo che minacciava i cittadini di quella città, i quali chiesero a Francesco di fare qualcosa.
    Francesco si recò alla foresta, e vide arrivare da lui lentamente questo grosso cane. Francesco lo chiamò: ”Fratello Lupo, in nome di Dio ti ordino di non farmi male a me e a tutti gl’uomini”. Quando furono vicini Francesco fece il segno della Croce in bocca al Lupo. Poi Francesco gli disse: “Fratello Lupo perché hai fatto del male ai tuoi fratelli uomini? Tutti ti odiano Fratello Lupo, hanno paura tutti di te, devi smetterla. Ma io sono tuo fratello e voglio che ci sia pace fra te e gli uomini, cosi sarete tutti tranquilli.”

 

TRADUZIONE IN CONCETTI: LA PARANOIA E SUA ESTINZIONE.

(Testo per concetti):   L’Io conscio era affetto da un odio feroce contro sua madre per la cattiva conduzione della gestazione che  causò  le sue malattie corporee e psichiche, evoluto in paranoia ossia in un sentimento cronico e delirante di odio contro sua madre(vedi sogno del lupo e  le anatre). Più tardi aggiunse l’odio contro taluni cittadini  [che lo disprezzavano e lo burlavano per le “bizzarrie” generate dalla sua disabilità intellettiva”] Più tardi egli rilevò che vi erano anche dei cittadini
benevoli e sensibili che sentivano empatia, solidarietà verso di lui, gli offrivano cibo quale elemosina, sicchè pottette vivere alla men peggio.
E allora riesaminò il suo sentimento di odio residente
nel suo inconscio ( s. bosco) che intossicava la sua psiche. E decise di eliminarlo.
E l’Io conscio rivoltosi al suo inconscio, dove agiva
l’atteggiamento paranoico (odio feroce) verso la madre e verso taluni cittadini dell’Umbria, pensò di toglierlo dal sua mente.
La riflessioni portò buoni frutti, poiché quel sentimento paranoico progressivamente si estinse e Francesco potette vivere in buone relazioni con i cittadini umbri, e avere un pò di ristoro nella sua mente torturata “

 

Il lupo è un simbolo onirico che incarna la paranoia, un forte sentimento di odio che intossica la psiche del soggetto.

 

 

B: ALLUCINAZIONI  DI FRANCESCO

Fr  ebbe numerose allucinazioni, aventi oggetto Gesù, Dio, Maria Vergine e Angeli.

 

  1. Allucinazione nella chiesa s. Damiano

“ Nella chiesa di san Damiano, mentre pregava guardando   il volto di Gesù sentì un voce:
Francesco ripara la mia chiesa che come vedi e in rovina”.
Francesco guardò  la vecchia chiesa di San Damiano che ormai   in rovina e disuso rispose “O mio Dio ,farò con tutto il mio cuore e la gioia di obbedienza verso te, quello che mi hai chiesto.” ( Fioretti di Francesco).
Correva l’anno  1205, Francesco aveva 23 anni.

 

ANALISI
“Gesù comanda a Francesco…” (Francesco ripara…” e questi “io obbedisco”. Fra Gesù e Francesco vi è un rapporto di schiavitù, di sudditanza: Gesù comanda e l’altro ciecamente ubbidisce.
Questi sogni e le allucinazioni rivelano che Francesco  era affetto da paranoia verso la madre e cittadini che  lo detestavano.

Odiava sua madre per la non-accettazione, e la cattiva  gestazione, causa delle sue malattie fisiche e quelle psichiche.
Odiava i cittadini ( o gran parte di loro) perché lo detestavano  e dai quali si sentiva respinto, rigettato.

ALLUCINAZIONI E DELIRI
(
dai Fioretti)

 

“Come istando santo Francesco con suoi frati a parlare di Dio, Iddio apparve in mezzo di loro.

. . .
imperò che istando in questo parlare apparve Cristo benedetto nel mezzo di loro in ispezie e’n forma di un giovane bellissimo ….” (Fioretti Cap XIV)

Nota: nel titolo dice che “apparve Dio” e poi poche righe più giù invece scrive “apparve Gesù in forma di un giovanetto”….
Franceso soffriva di confusione mentale e ciò accade parecchi volte nei Fioretti. Il che è uno dei sintomi principali della sua grave disabilità mentale.

 

“… fama della loro santità, che della corte del Papa, ch’ era allora a Perugia, e  5’000 monaci apparsi in una serata…..”( Fioretti cap XVIII)

Qui Francesco afferma che la sede del papa fosse a Perugia.In un altro  delirio racconta, che il papa venesse ad Assisi ad ascoltare le sue prediche ecc
In un altro delirio racconta:
“…veniano a vedere molti conti, baroni e cavalieri ed altri gentili uomini e molti popolani e cardinali e vescovi e abati e con molti altri cherici, per vedere quella così santa e grande congregazione e umile, la quale il mondo non ebbe mai di tanti…” ( Fioretti cap XVIII)

“ Francesco disse: « Figliuolo, abbi pazienza, imperò che le infermità de’ corpi ci sono date da Dio m questo mondo per salute dell’anima . . . .”   (Fioretti, cap xxv)
Francesco confonde dio e demonio. Nella Bibbia
e nel Vangelo  Dio  svolge solo il ruolo benefico il demonio quello malefico, portatore di male.
Dio è tutto luce, tutto bene, e il demonio tutto male, tutta ombra, qui  in Francesco i due ruoli vengono confusi.
Nel Vangelo Pietro, che pure era un disabile mentale, a livello di  imbecillità, fa una netta distinzione tra dio e demonio. Francesco invece confonde i  due ruoli. La sua disabilità mentale è molto più grave, raggiungendo quella della idiozia.  Francesco fu un idiota. Ciò viene confermato in ogni capitolo dei Fioretti,
in diecine di altri contesti analoghi.

Così confonde anche il ruolo dell’angelo con quello del demonio.

 

“E l’Agnolo che menava questo frate sì lo sospinse e gittollo giù per quella ripa; il quale trabalzando e percotendo di scoglio in iscoglio e di sasso in  sasso, alla perfine giunse al fondo di questa ripa, tutto ismembrato e minuzzato fatto a pezzi…. (Fioretti, cap XXVI)

 

In questo delirio, che i teologi denominano
“miracolo”,  l’ angelo compie un azione criminale, che nel bibbia e nelle altre relgione viene riservato solo al demonio.
Ancora una volta anche qui lui confonde due ruoli diametralmente opposti.
A ogni idiozia i teologi appiccicano il termine “miracolo,  miracolo,  miracolo”.
Ciò  dà la misrua della barbarie in cui era caduto il medioevo  sotto l’imperialismo cristiano.

 

Francescono non ha mai colto il concetto del tempo. Il tempo è un concetto astratto. Esso non si vede non si tocca, non cade sotto i nostri sensi.
Francesco non ha mai compreso cosa fosse il tempo.

Ammucchiava gli eventi non facendo nessuna distinzione fra prima e dopo, vita e aldilà.
Da questa confusione nasce la “predestinazione”.
Più volte egli racconta di conoscere la predestinazione dei monaci del suo gruppo.
Per uno di essi da “dio destinato alla dannazione”
egli conosce la condanna stabilita da dio. Allora prega Dio, il quale cambia decisione e la comunica a Francesco. E questi la comunica al frate.
L’eternità viene  confusa con il tempo finito della vita, il dopo con il prima, l’aldilà con la vita attuale ( Fioretti cap. XXXVIII)

 

Francesco fu un completo idiota, che non distingueva i due ruoli del bene e del male, tra Dio e demonio, tra angelo e satana, tra  questa vita e l’aldilà. Non coglie concetti atratti quali il tmpo, il bene il male, ledistanze. Ogni volta che  lui pensava a Dio,  questi si presentava
in carne e ossa davanti aui a “colloquiare”. edgli, Francesco spesso colloquiava con Cristo, con Dio, con la Madonna.

Ancor più strano è il fatto che i teologi

ripetono dietro di lui:  “miracolo, miracolo miracolo!!!!!!!!!!!!!

 

 

 

  1. LE IMBECILLITÀ DI FRANCESCO

 

saio 001-iloveimg-cropped (1)

fig 4: La mantellina degli schiavi  dell’antica Roma   scelta da Francesco quale suo abito. Essa segnala anche il degrado psichico da lui raggiunto.
Le disabilità mentali di Francesco possono essere dedotte dal suo comportamento, dalle sue opere e
e dai suoi detti registrati nei Fioretti, redatto  da un suo seguace.

  1. Sogni ritenuti eventi reali.
    2. Allucinazioni creduti eventi reali.
    Credenza che le allucinazioni auditive fossero
    eventi obiettivi e reali
    3. Deliri dichiarati fatti reali.
  2. Detenzione di potere magico
    5. Abbraccio e bacio di un lebbroso.
    6. Offerta di elemosina al parroco ricco
    (mancanza del concetto astratto di ricchezza)
    7. Donazione del guadagno di vendita quale elemosina.
    8. I bisogni di digiuno, creduto ispirazione divina 
    9. Credenza  nell’ispirazione divina
    10. Aspirazione a titolo aristocratico mentre
    lui era  già ricco, membro dell’aristocrazia borghese.

 

  1. 11. Confusione tra povertà economica e povertà
    di spirito
    Carenza di reponsabilità sociale, verso suo
    padre
    13. Credenza che Gesù fosse un ente realmente
          esistente nel cielo)
    14. Conversione al cristianesimo del sultano
    di Bagdad,  del Re di Francia.
    15. Ipervalutazione  e idolatria dell’estrema
        povertà, “Madonna Povertà”
    (Della povertà Calvino  ne fa un peccato
    Francesco una virtù).
  2. Ipervalutazione dell’estrema ubbidienza.
    17. Completa mancanza di autonomia.
    18. Stimmate valutate quale superiore stato
    sociale
    associato a dio,  onnipotente
    (Imitazione  di Cristo).
    19. Confusione tra dio e demonio:
    Dio creduto  agente del bene e del male
    20. Confusione tra Gesù e Dio.
    21. Frequenti colloqui con Dio, Gesù,  Madonna,
        con gli angeli  a sua richiesta o desidderio.
    22. ecc…. l’elenco potrebbe continuare.
        ( Fioretti di Francesco)

ig.5: Scena di un sogno creduta
evento reale

  1. Sogni ritenuti eventi reali.
    Francesco credeva che i sogni fossero degli eventi obiettivi e reali (lupo di gubbio + uccelli, discorso ai pesci, alle rondini, agli uccelli, alle cornacchie, ecc)
    L’uomo primitivo credeva  che i sogni fossero eventi reali, anzi “l’assoluta realtà” (Schmidt 1942).
    A partire dal2500 a.C., l’ujomo evoluto
    cominci?o a distinguere tra notte e giorno, tra sogno e realtà raccolta allo stato di veglia.
    In Israele, fin dal V secolo ilsogno veniva creduto  qualcosa diversa e differente della realtà.  Solo Pietro  nel I secolo E.C.
    ancora credeva che il sognofosse realtà.Egli
    credeva che Gesù, una  figura che appariva nei sogni,  fosse un uomo reale, in coro e mente.
    Ora nel 1200 Francesco crede anche lui  che il sogno fosse realtà. I Fioretti è costituito da
    deliri, allucinazhioni e sogni, ritenuti
    eventi reali e non fantasie prodotte dal suo inconscio, aventi funzione simbolica.
    Così l’ammansimento del lupo fu un sogno
    che raffigurava il dominio e poi l’estinzione della paranoia che covana nel suo inconscio verso sua madre e i suoi persecutori.
    Dietro Francesco anche i teologi credono
    che il sogno fosse realtà. Questo ü un esempio paradigmatico  di come la chiesa ha falsificato i documenti della sua fondazione. Tutta la dottrina cristiana  è costruita su documenti falsificati:
    sogni, deliri, allucinazioni di soggetti psichiatrici, oppure individui normali ma caduti
    in situazioni traumatiche, dichiarati eventi reali.  Per spiegare la straordinariwetà essi
    vengono connotati quali “miracoli” compiuti da
    un ente soprannaturale, onnipotente.2. Allucinazioni creduti eventi reali.
    Credenza che le allucinazioni  auditive fossero
    eventi obiettivi e reali. La teoelogia sostiene
    che una crisi di allucinazhione sia espressione
    del potwere divino. “Dio prende possesso del
    privileggiato” ( Bibbia TOB 1998) connotandolo positivamente.
    la scienza dlle neurologia e della psicologia
    hanno dimostrato che l’allucinazione è un fenomeno che accade in natura in situazhione di “isolamento
    sociale, in stato di “deprivazione sensoriale” o “deprivazione emozionale”. (Bertelli 2017)

L’allucinazioen viene prodotta in laboratorio
in cabina di isolazhiooen acustico-visiva.
essa insorge sempre dopo due ore di deprivazione sensoriale. È stata descritta da U.Nobile,
e altri esploratori in stato di deprivazhione.
Negli annali di psichiatri vengon decriutti
centinaia di casi di allucinazhioni.
Il contenuto dell’allucinazioine  contiene
un messaggio all’ Io conscio, che si riferisce
alla situazhione traumatica in cui si trova il
soggetto.  Vedi il caso clinico pz-1 di Scharfetter in (Bertelli, 2017)

3. Deliri dichiarati fatti reali.
Anche il delirio è un insieme di sintomi,
che si manifestano in situazioni traumatiche che il soggetto non riesce a dominare(Lalli, 1999; Scharfetter, 1994)
I Fioretti sono costituiti prevalentemnete da
contenuti di deliri. Così Francesco pensa Dio e subito dopo si presenta dio a colloquiare con lui.

Pensa Gesù e queti si presenta a colloquiare con lui.  Questo fenomeno non si verifica neanche nel Vanglo, che sono la raccolta di 154 sogni.

 

  1. Detenzione di potere magico: credenza di possedere poter magico: fulmineo ammansimento del lupo  con il segno della croce, predicare agli uccelli,  pesci,  ecc ( vedi Fioretti).
    Egli crede di avere il potere magico di addomesticare un lupo selvaggio con l’aiuto di dio.

Assumendo che lui potesse parlare con il lupo, e  con gli uccelli di comandare  a bacchetta, credeva di possedere  “potere soprannaturale”, ossi che avese potere magico. Il mago è colui che ha il potere di influenzare  gli altri con parole, gesti e la propria mente.
Francesco credeva di influenzare animali e cose, mediante la sua parola “onnipotente”.
Imitava Pietro nel Vangelo il quale credeva di possere potere soprannaturale.

La Chiesa ha supportato tale favola, assorbendo
la popolarità  che da esso derivava.
Fino al 1900 la Chiesa ha supportato queste favole, sostenendo che Francescco avesse fatto miracoli, ( ammansimento dellupo, predica agli uccelli, rondini, cornaccie, pesci ) ecc..
Ciò costituisce un falsità materiali ai sensi dell’art. 481 CPI. Ed è una falsificazione dei dati biografici di Francesco, giacchè l’evento fu il contenuto di un sogno  come viene confermato dal contesto biografico e  dal contesto storico.
Nelle cronache del suo tempo nessuno ha mai saputo
di tale evento.

  1. b) Falsità ideologica.
    A questa primo reato si aggiunge anche la falsità idceologica: la falsa interpretazine del racconto di Francesco. Al evento immaginoso i teologiattribuiscono una valenza oprannaturale.

Quell’evento accadde  dopo che Francesco aveva raggruppato intorno a sé una famiglia vicaria
e la famiglia delle clarisse, che gli erogarono
affettoe emozioni, che lenirono le sue sofferenze.
Ciò lo indusse a estinguere la paranoia.
L’agente della modificazione non fu Dio o Gesù
ma la nuova famiglia vicaria che lo accettava
e gli erogava affetto.

  1. Abbraccio e bacio di un lebbroso.
    Baciare il lebbroso (mancanza del concetto
    astratto di contagiosità. Francesco era unidiota,
    era inabile al pensiero astratto. Non conosceva il concetto astratto di “contagiosità”, e non
    prese conscienza che rischiava di esser contagiato. (Corboz, 1972; scharfetter, 1974, lalli 1999)s

 

  1. Offerta di elemosina al parroco ricco
    (mancanza del concetto astratto di ricchezza
    Tornato da una giornata di vendita, andò dal parroco e gli consegnò tutto il ricavato
    con il prfetesto che avrebbe dovuto fare

“l’elemosina ai povri”. Essendoidiota, non

possedeva il concetto astrattodi “povertà2,

Il parroco era ricco non overo: oltre alla prebenda aveva donivari dai parrochiani.

Nel medioevo  era un ricco.

8. I bisogni di digiuno, creduto ispirazione
   divina 
 e non un bisogno del corpo malato di epatite e di bronchite.
Il cibo è un bisogno del corpo indipendente
da Dio.
Affetto da epatite, il suo fegato non metabolizzava bene i grassi, sicchè vomitava. L’unico rimedio a questi disturbi era il digiuno. Francesco digiunava  per prevenire sofferenze e
anche umiliazioni sociali. Vedendolo la gente lo disprezzava e gli “lanciava insulti, pietro e fango” ( Fioretti, cap I)
Dietro di lui anche i teologi hanno osannato
al digiuno, esaltato quale virtù.

  1. Confusione tra Dio e demonio:
    Dio creduto agente del bene e del male.
    Mentre nel Vangelo Pietro fa una netta distinzione
    tra Dio, agente del bene, tutto luce, e satana agente del male,  tutto omba, Francesco alcontrario  confonde i due ruoli.
    anche qui confusione dei due ruoli diametralmente opposti.
    Ma i teologi gradano almiracolo, al miracolo:
    sapienza divina.

Lo stesso avvien fra Dio e Gesù,  che spesso vengno confusi ( Fioretti )

Francesco  appartiene alla psichiatria. È  un soggettipsichiatrico  e nn pu?o esser additato
quale modello sociale virtuoso.
Non lo a tal punto che i papi sono i primi a non seguire il suo esmpio e i suoi principi.

Ecco il papa Roncalli, che mangiava digiorno di enott, e aveva una stazza di 130 kg.

 

 

 

 

  1. IL CANTICO DELLA FAMIGLIA VICARIARispetto ai contenuti il “Cantico  delle creature” di Francesco di Assisi   può essere intitolato
    quale “Il cantico della famiglia vicaria
    Franceco vittima di non-acettazione da parte della madre e poi del padre, dei fratelli  e della gente  che nutriva profondo disprezzo per lui.

“Francesco aveva  disprezzato il mondo e la società, e viveva tutto umiliato e mortificato, da molti era ritenuto  pazzo; e come pazzo era  schernito e allontanato anche con lancio di pietre e di  fango  sia dai parenti che dagli estranei. Ed egli portava pazienza e taceva” (Fioretti, cap I; [Traduzione in italiano moderno])
Egli fu un uomo diverso. La diversità crea rigetto, disprezzo, drammi.  In pratica non ebbe famiglia non ebbe una vera madre, non ebbe nessuno. La su rete di relazioni sociali era completamente vuota. La sua disabilità mentale lo rendeva diverso e repugnante.
La sua rete sociale era completamente vuota. Non aveva
legame con nessuno neanche con sua madre. Neanche dopo
la separazione dalla famiglia, pur sapendolo in estrema povertà e in precarie condizioni di salute, la madre
non  si curò mai di lui. Avrebbe potuto farlo anche
tramite terzi ed, essendo ricchi, avrebbe potuto
aiutarlo anche tramite terzi, come fanno molti.
Lo dice esplicitamente Francesco:
Nessuno mi insegnava quel che io dovevo fare; ma lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo il Santo Vangelo”. (Fioretti)

Da ciò sviluppò paranoia verso la madre estesa  agli altri.
Negli ultimi anni della sua vita, a 42 anni, proietta i suoi affetti su oggetti esterni e sugli astri:
“Madre terra”,  “sora acqua”, “frate fuoco”,  “frate sole”  ecc
Quel suono (“madre”), che, riferito alla madre biologica, aveva sempre pronunciato con odio e disprezzo ora diventa dolce e lo proietta sulla terra, che è accettante accogliente, nutriente.
Non aveva avuto affetto da sorelle o fidanzata, e ora proietta questo relazione sull’acqua, che diventa anche
“casta”. Non aveva mai avuto una ragazza, casta  tutta per sé. E ora immagina l’acqua come sua sorella o fidanzata.
I fratelli lo avevano respinto. E ora proietta questo dolce suono “fratello” sul fuoco, sul vento e sul sole, che lo riscalda,  quel calore che non aveva ricevuto dai parenti
ora lo associa al  fuoco, al sole,  benevoli verso di lui: “frate foco”, “frate sole” elargiscono calore al suo corpo,
Lo ripete tre volte: “frate sole”,  “frate foco” “frate vento”.
Il Cantico della famiglia vicaria rappresenta il punto di arrivo della sua drammaticissima, tormentatissima, “tribolatissima”  esistenza.
Quello che non aveva ricevuto dagli altri ( madre, padre, fratelli e cittadini ) ora immagina di riceverlo dalle cose e dagli astri. È un lenimento alla sue deprivazioni e alle sue acute sofferenze.

Letterati anch’essi affetti da pseudogenialità
imbecillesca, di megalomania, di delirio di grandezza,  di superiorità, lo hanno esaltato quale il “fondatore della letteratura italiana”. A loro dire, se non ci fosse stato Francesco l’idiota, la letteratura italiana non sarebbe mai esistita.

Francesco, da imbecille vien fatto diventare fondatore della letteratura italiana. Vediamo le qualità linguistiche.

  1. a) Lingua: dialetto umbro.
    Il Cantico è stato redatto non nell’italiano della sua epoca, che Francesco non conosceva nonostante avesse frequentato la scuola parrocchiale, ma in dialetto umbro.b) Mancanza di concordanza di numero.
       Nel Cantino non viene rispettata la concordanza di numero. Vi si legge:
    “. . . mi’ Signore et rengratiate
    e serviateli cum grande humilitate. “
    “li” è riferito a “signore” singolare maschile. Nel Cantico diventa plurale ignorando la concordanza.
    “patru miu” ( singolare e singolare), “frati mia” ( plurale e plurale).
    “Le sirocchie uccelli….” ( Fioretti)
    [Traduzine in italiano moderno: “le sorelle uccelli…”] Le parole autentiche di Francesco mancano di concordanza di genere.

 

  1. c) Assenza di concetti astratti.
    Mancano concetti astratti e coordinazione a lungo respiro. Ogni frasetta esprime solo concetti concreti.
    Il disabile intellettivo non produce concetti astratti
    ma solo quelli concreti  a livello degli animali

Il disabile mentale non produce concetti astratti.  Grazie alla memoria, riesce a imparare a memoria concetti astratti, quelli degli altri, ma poi non li capisce e non sa opera con essi. Manca di operatività.
Il disabile mentale produce solo concetti concreti, quelli che vede e tocca, mettendoli l’uno accanto all’altro mediante giustapposizione.
( Corboz, 1974; DSM-IV, 1996; Scharfetter, 1974, Lutz 1963).
Come tutte le opere di Francesco, il Cantico rivela ancora una volta la sua disabilità  mentale: esso è costituito da brevi frasette, costituite da soggetto, verbo  aggetti e qualche complemento.

 

  1. d) Coordinazione per giustapposizione.
    Le frasette sono collegate per giustapposizione o dalla congiunzione “e”….. “e”. . . “e”….
    Egli costruisce solo brevi frasette, con soggetto verbo, aggettivi e qualche complimento.
    Ricorda l’Apocalisse di Giovanni, anche lui disabile mentale, che presenta le medesime caratteristiche stilistiche.  Coordinazione per giustapposizione,  una lunga serie di frasette semplice con soggetto, verbo, e complimenti collegate con … e… .e… e….e) Annullamento della personalità.
    Per la  milionesima volta ripete  il verbo “servire…”
    Ciò rivela la completa vuotaggine della propria personalità: lui idiota, completamente privo di personalità, e fuori, Dio “infinitamente sapiente, “onnisciente”. Un uomo senza cervello e senza schiena.
    Non soddisfatto della sua idiozia, la predica anche agli altri. E teologi pseudogeni imbecilli come lui, la predicano in giro, quale una dimensione superiore, l’uomo del futuro.
    Il superuomo cristiano, i cui tratti principali sono la idiozia e il servilismo.  Francesco non sa fare altro.
    I teologi di oggi sanno fare anche ricchezza, lusso e pedofilia.

 

Se questo possa definirsi “opera letteraria” o
“fondamento della letteratura italiana” è molto dubbio.
La letteratura rappresenta il pensare, il sentire e l’agire di un intero popolo. In ogni caso il Cantico  di Francesco può rappresentare il pensare e il sentire di un estrema minoranza che nella psichiatria è stata calcolata inferiore al 0,5% della popolazione totale
(Scharfetter, 1974, Lalli, 1998)
Non vi è nessun dubbio che ogni frase è carica e stracarica di fortissime emozioni, che non sono presenti  nell’uomo normale e sano di mente.
Qui emergono gli estremismi dell’idiota Francesco.
Francesco riversava sulla “terra”  quella  carica affettiva  che non aveva potuto riversare sulla madre biologica. Lo stesso avviene con l’acqua, il fuoco e il sole.
Ma un uomo sano di mente, che ha normali rapporti con i membri della famiglia biologica e con altri individui,   non riversa sulla terra tanta affezione quante ne nutre verso la madre biologica che lo ha generato, allevato
e sostiene con il suo affetto e la sua guida.
Il Cantico delle creature non è un’opera superiore,  nè rappresentativa dell’uomo superiore, come vorrobbero letteratoidi e teologi,  ma solo dell’uomo inferiore, gravemente menomato e sventurato. È il canto di  uno sventurato idiota, perseguitato da parenti e dalla gente barbara dell’epoca, che lo emarginava “lanciandogli
insulti, pietre e fango…. ( Fioretti, cap I).
In ogni caso esso non è rappresentativo dell’uomo normale, né può pretendere di annunciare un “uomo superiore”, il cristiano, inteso come “superuomo cristiano”, o di esser  “patrimonio dell’umanità”.

Neanche può essere interpretato come portatore
di una nuova superiore dimensione umana. L’unica cosa  che presenta è il mondo sventurato di un grave disabile mentale.
Quello che accadde a Francesco non accade nel campo animale, dove i disabili godono rispetto e soccorso (de Waal, 2001, 2011).

 

  1. e) Delirio di conversione.
    Nel Cantico riemerge il delirio di conversione di Francesco,. Lui credeva che sulla faccia della terra ci fosse un solo ente da amare rispettare
    e “pregare”: dio.  Nel Cantico ripete quattro volte “altissimo”, e “servite”.
    La sua psiche è vuota di se stessa e inondata di questo  presunto essere Dio.

 

 

  1. DIAGNOSI: IDIOZIA, ANTISOCIALITÀ,
    PARANOIDEA E MEGALOMANIA.

Francesco fu affetto da disabilità intellettiva grave a livello di idiozia, antisocialità,  paranoidea e megalomania.

Fin dalla pubertà emerse una grave disabilità mentale, a livello di idiozia che lo indusse a giudizi ed azioni gravemente abnormi, che gli attrassero l’ostilità dei familiari e della gente.
Il suo pensiero oscillava tra polarità opposte ed estreme,  vedeva tutto in bianco e nero. Confondeva  tra pensiero e il fatto, sua attuazione, tra sogno e realtà, tra notte e giorno. Confondeva dio con il demonio, due entità diametralmente opposti, tra Dio e Gesù.
I Fioretti sono pieni zeppi di contraddizioni e di assurdità, fatte o espresse da Francesco.
Credeva che i contenuti dei suoi deliri fossero eventi realmente accaduti.

Credeva che l’ammansimento del lupo, una scena vista in un sogno, fosse stato un evento  della realtà accaduto di giorno allo stato di veglia ( vedi le imbecillità). Credeva che gli eventi visti
nei sogni fossero eventi accaduti allo stato di veglia: l’ammansimento del lupo di Gubbio, la predica ai pesci, la predica agli uccelli, nei Fioretti ecc. Così non sapeva distinguere fra allucinazione  e  stato normale. Credeva che gli eventi comparsi negli stati di delirio fossero stati eventi accaduti in stato normale.

Affetto da instabilità esistenziale, disancoramento, sradicamento,  mancanza di attaccamento, mai tentò di  pianificare il corso della sua vita. Mai tentò di organizzare, programmare la sua vita. Visse alla giornata del quì-ed-ora e di elemosina.  Non elaborò  mai un piano per la sua vita sia in campo sociale che lavorativo.
Prese delle decisioni improvvise e repentine, subitanei cambiamenti, cambiamenti di umore.
Ebbe marcato disturbo di identità e di umore: una grave alterazione della propria identità con un’infima autostima,  instabilità nelle relazioni interpersonali.  Gravi insicurezza nella propria identità personale, nella morale e nei valori, che attinse da un oggetto esterno “Gesù” ritenuto “l’Altissimo”, del quale si sente succube, “servo ubbidiente”.
In queste condizioni di estremo autodisprezzo, iperidealizzò oggetti esterni, Gesù, Dio, La Madonna, Madonna Povertà ecc.
Vi è un’alternanza  tra gli estremismi e iperidealizzazione: un giorno stesosi per terra, da un disabile come lui, in punizione,   si fece calpestare con i piedi la bocca e la gola ( I Fioretti).
Sviluppò paranoia primariamente  verso sua madre, poi esteso ai familiari (vedi madre/bambino e lupo, nei Fioretti).  Nel tentativo paterno di indurlo alla ragione davanti al vescovo, esplose in un moto di rabbia: si spogliò di tutti gli abiti e li restituì al genitore restando nudo. Azione di marca paranoidea.
Nutrendo infima stima di sé, si identificò con lo schiavo dell’antica Roma, di cui indossò la mantellina  denominato saio (vedi fig. 4 ).
Per compensare le sue disabilità intellettive e sociali, sviluppò  megalomania, progettando  partecipazione alle crociate per ottenere un titolo nobiliare ( lui era già ricco, della ricchezza borghese).
Più tardi progettò e credette di aver compiuto un viaggio a Bagdad ( distante 3000 km da Perugia), e di aver convertito al cristianesimo il Sultano Saladino ( I Fioretti). Manca ogni cenno nella cronaca dell’epoca.

Successivamente credette di essere andato a Parigi in Francia e di aver convertito il Re di Francia all’epoca l’autorità politica più alta in Europa. Viaggiava senza nulla, letteralmente senza nulla chiedendo la questua e mangiando solo “pezzi di pane secco ricevuti in elemosina bagnati nell’acqua fredda” (Fioretti, cap XIII)
In seguito credette che il papa fosse venuto in pellegrinaggio a Gubbio da lui e venerarlo, che il papato avesse sede a Perugia  non a Roma.

B:  AUTENTICHE CAUSE DEI SUOI DISTURBI

Francesco fu vittima di una anomala e invalidante  gestazione da parte di sua madre, che generarono le sue molte malattie fisiche e mentali: malattia polmonare,  epatite, malattia alla milza, estrema debilità fisica,
e negli ultimi anni della sua vita, anche idropisia. Psichicamente fu disabile intellettivo, a livello di idiozia.

“Caratteristica dei neonati dell’uomo è il bisogno fondamentale di stabilire rapporti soddisfacenti fin da primi giorni di vita. . . .Da questo primo passo discende
il successivo rapporto oggettuale. L’atteggiamento che il neonato sviluppa nei confronti della madre influenza la sua capicità di controllare la reattività di base capacità che porta ad uno sviluppo normale durante la maturazione e la crescita
Il fatto  che le reazioni emotive del bambino siano o meno sane dipende . . . dal trattamento fisico ed emotivo più  o meno soddisfacente che riceve” (Kahan, 1974, p 7)

MANCANZA  DI LEGAME
Il bambino ha bisogno di mantenere uno stretto   contatto tattile  emotivo con l’adulto.  Se non c’è adeguata risposta da parte dell’adulto  lo schema di adattamento si atrofizza o si devia, con grave danno per lo sviluppo psichico. L’attaccamento è un vincolo o legame affettivo  che l’individuo stabilisce  tra sé  e un altro individuo particolare ( Lalli, 1998)
I biologi hanno rilevato i medesimi problemi  fra gli animali ( Harlow, 1962;  Mainardi, 1974; de Waal, 2001, 2008, 2009, 20013)

Tra Francesco e sua madre mancò tale attaccamento,  e ciò nocque alla sua personalità e alla sua identità:  causando una bassissima autostima  e un atteggiamento paranoico verso sua madre, che poi generalizzò  su altri.
Mancò  “l’attaccamento”  un rapporto normale con sua madre, il che rovinò la sua personalità.
Il secondo fattore invalidane fu il bassissimo Q.I,  innato, endogeno che gli impedì di imparare e comunicare con il mondo esterno, e lo rese inabile alla  ristrutturazione cognitiva dei suoi problemi.
Kahan(1974) che ha curato parecchi bambini affetti della sindrome abbandonica ha rilevato, che coloro quei ragazzi  he avevano un certo grdo di QI riuscivano nella ristrutturazione cognitiva, e quindi ad elaborare il gravissimo trauma dell’abbandono o della  falsa educazione  ricevuta. Coloro che avevano un basso QI fallivano (Kahan 1974).
Questo ultimo fu il caso di Francesco. Dotato di bassissima intelligenza a livello di idiozia, non riuscì ad elaborare il suo dramma. Adottò l’imitazione ottusa  di un ente esterno, Gesù, ritenuto un ente superiore e migliore, ma in realtà egli medesimo, Gesù, fu affetto da disabilità mentale, paranoia e delirio di grandezza.

Ciò destrutturò ulteriormente  la sua personalità, abbassò la sua autostima e inducendo ad imprese completamente irrazionali e autolesive. Gesù ebbe su di lui effetto deleterio.

 “ Nessuno mi insegnava quel che io dovevo fare; ma lo stesso Altissimo mi rivelò che dovevo vivere secondo il Santo Vangelo”.  ( Fioretti)
Nessuno mi insegnò….” era lui che avendo bassa IQ non imparò  dal mondo esterno, non seguì i consigli di suo padre, che voleva insegnargli l’arte del mercante.  Suo padre lo aveva avviato al commercio, insegnandogli i principi della professione. I fratelli furono normali.
A questo primo serie di false rimedi ai suoi mali, si aggiunse il secondo: i rimedi proposti da Gesù  aggravarono le sue drammatiche condizioni.
La Chiesa  strumentalizzò  il suo dramma, facendo  di Francesco uno agente pubblicitario del  potere culturale e politico.
Francesco fu un disabile mentale, e scelse disabili mentali come lui: Gesù e il Vangelo
l’opera di un disabile mentale: Pietro, affetto
da sindrome abbandonica,  parania e megalomania.

 

 

 

 

  1. INCRIMINAZIONE DI GESÙ.          358.1. DEONTOLOGIA MEDICA E PSICOLOGICA

Gli scienziati della medicina e della psicologia hanno sviluppato un sistema di regole secondo cui prestare assistenza ai malati, che fanno capo a Ippocrate (440-370 a.C.) il fondatore  della medicina, l’arte di guarire le malattie e di lenire le sofferenze. Nella ultima versione del 2007  essi suonano:

DOVERI DEL MEDICO E DELLO PSICOLOGO
. . .
art 2.   Doveri dello psicologo sono la tutela della vita, della salute psichica e fisica, il trattamento del dolore e il sollievo della sofferenza, nel rispetto della libertà e della dignità della persona
. . .

art. 5. Salvaguardia della integrità fisica e psichica del
paziente. Il medico (e lo psicologo) si astiene dall’applicare trattamenti che incidono sull’integrità fisica o psichica del paziente. Ogni intervento deve procurare un concreto beneficio clinico alla persona

art. 6. Tutela di soggetti fragili  e disabili
Lo psicologo tutela  il soggetto fragile, disabile,
vulnerabile, in condizione di vulnerabilità fisica o psichica, sociale e civile  in particolare quando ritiene che l’ambiente in cui vive non sia idoneo a proteggere la sua  salute, la dignità, la qualità della vita.
(Deontologia dello psicologo, da
Giuramento di Ippocrate)

(Ammesso che fosse esistito come assumo i  teologi)
Gesù ha violato le norme deontologiche  della medicina e della psicologia clinica,  che fanno capo  al Giuramento di Ippocrate nel IV secolo a.C., universalmente riconosciute e praticate da medici e psicologi.

 

8.2.  IMMORALITÀ   DI   GESÙ    VERSO    FRANCESCO .

“ Nella chiesa di san Damiano, mentre pregava guardando il volto di Gesù sentì un voce:
 “Francesco ripara la mia chiesa che come vedi e in rovina”
 Francesco guardò  la vecchia chiesa di San Damiano che ormai   in rovina e disuso rispose “O mio Dio ,farò con tutto il mio cuore e la gioia di obbedienza verso te, quello che mi hai chiesto.” ( Fioretti di Francesco).
 Correva l’anno  1205, Francesco aveva 23 anni
 In questo passo Gesù “comanda”  a Francesco di riparare la chiesa…
 Ma Francesco era un povero malato fisico, debole con pochissime forze fisiche. L’imposizione di un “comando”
 aggravava  le sue sofferenze fisiche. Inoltre essendo Francesco un disabile mentale, costituisce  un reato
 per violazione dell’art. 6 art. che prevede la tutela
 di soggetti fragili e deboli. “Lo psicologo tutela  il soggetto fragile, disabile,  vulnerabile, in condizione di vulnrabilità fisica o psichica, sociale e civile  in particolare quando ritiene che l’ambiente in cui vive non sia idoneo a proteggere la sua  salute, la dignità, la qualità della vita”.
 Gesù danneggiò la salute fisica e psichica  di Francesco, mostrando nessuna empatia e solidarietà verso di lui, un povero sventurato.
 Francesco promette “ubbidienza”. Per eseguire questo ordine si sottoporrà a ulteriori digiuni e risparmi per riparare la chiesa.
 Francesco viveva già nelle condizioni di estrema povertà. I pasti più frequenti che consumava
 erano “ solo  pezzi di pane secco ricevuti in questua e bagnati in  acqua fredda ” (I Fioretti, cap XIII)
 Imponendo digiuni indiscriminati, Gesù ha causato  aggravamento delle debilità fisica e sofferenze in Francesco, nuocendo alla sua salute fisica e mentale.
 La ubbidienza cieca, implica uno svuotamento della propria personalità, un ulteriore abbassamento della propria autostima.   A Francesco fu imposto il ruolo dello schiavo che deve provvedere “alla riparazione della chiesa  che andava in rovina”.
 Ma Gesù  a cui viene attribuita “sapienza e poter infiniti”  avrebbe potuto elaborare altri mezzi per assolvere a questo compito, senza danneggiare  la salute dello sventurato Francesco.  La cura della Chiesa era compito del papa e dei teologi, i quali erano già pagati per questo scopo.
 - Dove sono i suoi “amore, sapienza e potere infiniti”?
 Dove è la sua onnipotenza in “amore, sapienza e potere”
 postulata dai teologi?

Gesù va rinviato a giudizio. Va sottoposto a processo per questo e altri reati commessi verso lo sventurato Francesco, il quale si era rivolto a lui, sperando  in un po’ di aiuto e soluzioni ai suoi numerosi problemi che  torturavano la sua disgraziatissima esistenza.
Francesco cercava aiuto non ulteriori aggravi dei suoi mali.
Francesco  cercava un protettore, un tutore non un nuovo padrone, che imponesse ulteriori sciavitù.

Era stato rigettato dalla madre e dalla famiglia  biologica; veniva rigettato dalla società dove lo insultavano egli tiravano le pietre (I Fioretti ), era affetto da più malattie fisiche ( epatite, bronchite, milza), disabilità mentale, che gli impediva di vivere una vita normale e sana.
Il nuovo “comando” di Gesù aggiunge un ulteriore sofferenza fisica e psichica allo sventuratissimo Francesco.

Con pretesti differenti tutti contro di lui.
Tutti a danneggiarlo. Tutti diligenti ad accrescere le sue sventure e le sue sofferenze.
Se Francesco  fosse vissuto oggi, gli psicoterapeuti avrebbero applicato a Francesco metodi diametralmente opposti a quelli impostigli da Gesù (vedi psicoterapia di Francesco)
Francesco affetto da e epatite virale, soffriva molto, al punto che digiunava per lenire
i dolori. Questo Gesù, a cui si attribuisce “amore infinito e sapienza infinita”   mai ebbe un solo briciolo di empatia per lui, e mai gli consigliò una dieta opportuna, che lenisse i suoi dolori..
Questo Gesù a cui si attribuisce “sapienza infinita”
mai gli consigliò di astenersi solo  dai grassi che esacerbavano i dolori del fegato ( spesso aveva vomito)
Francesco infatti morì a 44 anni anche per malnutrizione falsa scelta dei cibi e per i ripetuti e prolungati digiuni indiscriminati.
Se fosse vissuto oggi, un qualsiasi medico enterologo lo avrebbe consigliato meglio di quello che non facesse Gesù. Oggi con l’assistenza dei medici i pazienti affetti  dalle medesime malattie  vivono fino a 70 anni. Francesco visse solo 44 e sempre con acuti dolori, sputando sangue e vomitando.
Dove sono il tanto decantato “amore infinito”, e la tanto esalta “sapienza infinta” di Gesù e di dio, suo padre?  Solo farneticazioni di soggetti psichiatrici come i teologi.

 

8.3. IMMORALITÀ DELLA CHIESA VERSO FRANCESCO

La chiesa e cardinali hanno avallato le sue allucinazioni e i deliri di Francesco  per rafforzare il loro potere politico. Essi non si sono curati del significato e dei fini dei contenuti dei deliri e delle allucinazioni.  I  contenuti dei deliri e delle allucinazioni contenevano dei messaggi dell’inconscio di Francesco, che, se ascoltati e attuati, avrebbero ridotto i disturbi e le sofferenze dello sventurato.
Il vescovo a cui Francesco era ricorso  nella speranza che comprendesse il suo dramma, si limitò a dargli un abito per coprire le sue nudità. Niente altro. Il problema di Francesco  era quello psico-sociale. La non-accettazione sia da parte dell famiglia che della gente.

Nessuna empatia, nessuna   solidarietà nessun soccorso ai molti mali di Francesco.
Anche il papa e i cardinali hanno violato la deontologia professionale, che prescrive la tutela fisica e psichica dell’individuo. E ciò era ancora più necessaria per Francesco  che era un disabile mentale.

 

 

imagesCAXWHVA7

fig 6: Papa Roncalli (1958-1963), con una stazza
di 130 kg, coperto di  oro e di sfarzo.

 

 

8.4. SCHIAVIZZAZIONE DELL’UOMO: FRANCESCO
UN MODELLO DI SCHIAVIZZAZIONE
Francesco rappresenta un caso paradigmatico di come  la Chiesa schiavizza l’uomo, ignorando i suo autentici bisogni fisici e psichici.
“L’uomo deve servire dio, che lo ha creato…”(Catechismo 1992;  Bibbia TOB, 1998,  p 34)
Gli scienziati della psicologi hanno dimostrato
che la schiavitù nuoce alla personalità, non giova.

Francesco avrebbe avuto bisogno della sua fetta di autostima, di rispetto da parte degli altri, anche se aveva un basso QI, che in più  non era stato causato da lui personalmente, ma dalla gestazione mal condotta dalla madre. Il 98% ( leggi novantotto per cento)  delle disabilità  mentali sono generate dall’ambiente, non sono
genetiche o dovute al DNA (Anastasi, 1964;  Corboz, 1974; Lutz 1963, Ajuraguerra, 1972).
Francesco fu vittima  e portatore della disabilità mentale, non causa.  Successivamente fu vittima delle incomprensioni dei familiari biologici,  della gente, e della Chiesa, che li ha strumentalizzati e sfruttati a proprio vantaggio.
9.5. IL SUPERUOMO  CRISTIANO

La teologia ha creato il superuomo cristiano, che consiste  nella pratica dei princi¨

Francesco è stato eletto a superuomo cristiano,
il “vero cristiano”, ed “elevato agli onori degli altari” ( ammesso che sia un onore)

 

 

  1. L’AUTENTICO   FRANCESCO,   SUB-UOMO CRISTIANO,
    UN IDIOTA TEOLOGIZZANTE.Francesco di Assisi dalla Chiesa ritenuto il superuomo cristiano, il campione della dottrina cristiana, al contrario dalla scienza classificato  quale  idiota teologizzante, malato fisicamente e mentalmente, morto a 44 anni.
    Dalla Chiesa dichiarato santo, autore di numerosi e strabilianti “miracoli”. Prima Francesco  e poi anche i teologi ritengono i sogni apparsi durante il sonno degli eventi  realmente accaduti, le allucinazioni come eventi reali e espressione di forze soprannaturali.
    Nei Fioretti, che raccontano le sue opere e i suoi detti,  sono riportati oltre 40 sogni, e parecchie allucinazioni. I contenuti sia dei sogni che delle  allucinazioni dai teologi e dalla Chiesa vengono  ritenuti opera “soprannaturale, divina”, emessa da un ente  anch’egli soprannaturale e divino. I teologi ignorano che  i contenuti dei sogni e delle allucinazioni non sono  inviati da un ente estraterrestre,  ma  prodotti dall’inconscio del sognatore e che hanno valore simbolico.
    L’allucinazione è una sindrome che rivela una trauma  psichico, segnalante rischio esistenziale, anormalità carica di sofferenza.
    La Chiesa ha dichiarato le opere di Francesco
    quali “comandate” da Gesù in persona, e espressione della sua grandezza. Tutti fattori usati come propaganda politica, per dimostrare la esistenza di dio e dopo anche giustificare e legalizzare il potere politico della Chiesa.Dalla scienza viene tracciato un quadro opposto.
    Francesco  generato da una gestazione anomala e invalidante,  ebbe corpo piccolo, cranio piccolo sotto la media  della sua etnia. Fu un disabile mentale a livello di idiozia. Fu un idiota teologizzante, che ha travisato perfino il Vangelo che é costituito da unità patologiche.
    Ha confuso Dio e il demonio in una sola figura, facendo compiere a Dio sia il bene, che il male come fa il demonio, facendogli svolgere sia il ruolo  di agente del bene come pure quello del  male, nel Vangelo riservato al demonio.
    Ha dichiarato la estrema povertà quale stato
    superiore di “perfetta  letizia”.
    Ha scelto il ruolo di “schiavo”, del quale indossò anche la mantellina.  Dodato di infima autotima, di debolissima personalità, si dichiarò  servo di Gesù, ritenuto  “Altissimo”, un ente soprannaturale.
    Valutato secondo i criteri della scienza Fr
    fu un disabile mentale a livello di idiozia. Fu un idiota teologizzante, affetto da paranoia, idiozia, megalomania  antisocialità, completamente privo di rapporti sociali con individui normali ( non ebbe rapporti neanche con la madre e i fratelli che lo espulsero dalla famiglia biologica).
    Si circondò di 10-12 disabili mentali come lui, con i quali intrattenne  dei rapporti  spesso conflittuali.

Per compensare la sua infima autostima, intraprese  ripetutamente imprese grandiose a scopo compensatorio: partecipazione alle crociate per ottenere un titolo nobiliare, rinnovare la chiesa, conversione del sultano di Bagdad, dove credette di essersi recato, il re di Francia
che credeva di aver visitato dopo lungo viaggio a schiena di mulo,  digiuni integrali  durati 40 giorni  senza nessun danno alla salute,  per onorare Gesù (la medicina forense ha dimostrato che dopo 5 giorni di digiuno integrale interviene la morte  Scharfetter, 1974).
Nei Fioretti, che raccontano la sua biografia, ogni assurdità, ogni idiozia compiuta da Francesco dai teologi  viene  dichiarata miracolo, miracolo, miracolo. Gli vengono attribuiti innumerevoli miracoli.
Per tutto il medioevo Francesco e le sue opere sono stati strumentalizzati dalla Chiesa  per sostegno al suo potere politico. Nel 1936  dal papa fu dichiarato “patrono d’Italia” “vero Italiano”,  additandolo quale modello sociale  positivo.
Il che è falso. I primi a non seguire il suo modello furono i teologi e i papi, la stragrande maggioranza dei quali fu  ed è affetta da obesità ( vedi fig  10 papa Roncalli).
Se lo confrontiamo con gli animali, il risultato è vergognoso.
Nel 2016 in Olanda morì uno scimpanzé vissuto  59 anni sempre in un buona salute.
Due scienziati, R. Levi-Montalcini, visse 103 sempre in buona salute e Dulbecco, 98 anni, che pur lavorando indefessamente  per l’umanità e il bene comune, vissero sempre in buona salute, fruendo delle gioie presentinei vari settori della vita. Essi non furono affetti da nessun disturbo fisico né psichico,  alieni da ogni estremismo, altamente apprezzati dai loro amici e collaboratori.

 

 

 

  1. MORALE CRISTIANA E MORALE BIOEVOLUTIVASe misurazione Francesco con la morale bioevolutiva, rileviamo che  egli ha compiuto una regressione di 7 ( sette, leggi sette) milioni di anni indietro.
  2. Nel campo biologico l’animale ha la propria personalità, ed è normale e sano di mente.

 

 

Mozu 2016-02-22 001

 

fig. 7: Mozu, priva di mani e di piedi,
grazie all’aiuto delle compagne, sopravvisse
20 anni e crebbe quattro figli, fruendo
delle gioie della maternità e della famiglia
(da: de Waal, 2001)

 

 

 

 

 

 

 

 

fig 8: La scimmia cappuccino difende la propria
autostima, pretendendo un frutto qualitativamente  pari a quello della compagna.
(da. de Waal, 2001)
La scimmia cappuccino  della fig  10 avendo  ricevuto un frutto di qualità inferiore a quello del suo vicino protesta, difendendo il suo diritto e la sua dignità.
Fra gli animali è diffusa il principio di equità,  parità di diritto, tutela della propria
austostima.
Gesù e la morale cattolica, riducono l’uomo a uno schiavo facendolo regredire a uno stadio
più arretrato di quello delle scimmie.

Francesco era stato completamente deprivato dell’autostima, era uno zero, un niente. Passò
la sua vita al servizio di  Gesù.
La morale cristiana è disumanizzante, schiavizzante.

 

 

  1. RISULTATI1. Francesco fenomeno umano.
    2. Francesco fenomeno psichiatrico  e non divino
    3. Falsità materiale e falsità ideologica
    perpetrate dai teologi e dalla Chiesa.
    4. Immoralità di Cristo verso Francesco.
    5. Santità  e normalità
    6. L’indimostrabilità della esistenza del divino.
    7. L’indimostrabilità della superiorità del
    pensiero  del papa
    8. Patologia del pensiero teologico
    9. La morale bioevolutiva,  unica valida.

 

  1. Francesco fenomeno umano.
    Francesco fu un fenomeno squisitamente umano, solo umano, esclusivamente umano.
    Non vi è nulla di divino, si soprannaturale,  di trascendente in lui, come sostengono i teoelogi.
    Gli eventi  apparsi nei sogni, nelle allucinazioni e nei deliri furono eventi umani. Di  soprannatralee vi è solo la nomenclatura introdotta arbitrariamente dai teologi.
    Oggi la scienza della psicologia, della neurologia della medicina spiega tutti gli eventi accaduti nella vita di Francesco, compresa le stimmate con terminologia scientifica. Quello che secondo i teologi erano  visioni, apparizioni, colloqui con Gesù, ecc  vengono spiegati quali
    sogni, allucinazioni, deliri, imbecillità
    paranoia, megalomania.2. Francesco fenomeno psichiatrico e non divino
    Francesco fu malato di bronchite, epatite, milza;  di idiozia, paranoia, e megalominia.
    Queste malattie condizionarono la sua vita,
    generando una soffertissima e dramaticissima
    esistenza e una vita anche molto breve. Egli visse solo 44 anni.
  2. Falsità materiale e falsità ideologica
    perpetrate dai teologi e dalla Chiesa.I teologi hanno commesso falsità materiali
    nell’elaborazione della sua biografia e dei Fioretti.
    I Fioretti (gli atti di..) che pretendono di narrare  le opere di Francesco, in realtà riportano i  contenuti dei deliri, delle alucinahioni e dei sogni di Francesco, che, quelli raccontati per esteso, ammontano a 51  oltre ad alcune centanaia menzionati solo per accenno: “molti altri miracoli”

Questi fenomeni prodotti dall’inconscio di Francesco, dai teologi  sono letti letteralmente, come eventi realmentei accaduti  durante il giorno allo stato di veglia.
E per giustificare hanno introdotto “il soprannaturale” un “ente soprannturale  ossia Dio
che li abbia prodotti e  fatti eseguire a Francesco.

In realtà e in verità questi sono fenomeni patologi di cui gli annali di psichiatria sono
pieni. Basta consultare la letteratura psichiatrica. Vedi i casi del prof Scharfetter,
un caso  di  allucinazione e uno di delirio  in Bertelli (2017).

 

  1. Immoralità di Cristo verso Francesco.
    L’influsso di Gesù nella vita di Francesco fu altamente nefasto, poiché aggravò i suoi disturbi mentali invece di sedarli. Egli va rimandato a giudizio per tali reati.
    Gesù applicò solo un’elaborazione sintomatica
    ai mali di Francesco,  perpetuando  i  suoi disturbi e le sue sofferenze, nessun elaborazione causale, che rimuove definitivamente il male.
    Questa è quella che applicano  gli scienziati e gli onesti ( vedi deontologia psicologica)
    Gesù  si appalesa come un  ente immorale, violatore dei diritti umani, e della deontologia medica   sulla salute. Un ente altamente nocivo.
    Al contrario  dai teologi viene esaltato come un  ente di alta moralità e di alta utilità.
    Ogni domenica nelle prediche, puro gioco retorico,  Gesù viene presentato quale “sommo amore, somma sapieza e sommo potere”. Nei fatti,
    come nel caso di Francesco, Gesù si appalesa quale
    “sommo odio, sommo imbecille, somma impotenza”.
    Egli  non ha fatto nulla di positivo verso Francesco. Non sentì neanche una briciola di empatia per il povero sventurato,  disprezzato
    ed emarginato Francesco.

Con i suo “comandi”  Gesù non migliorò ma peggiorò malattie e sofferenze, austostima e megalomania di Francesco.

  1. Santità e normalità
    I teologi pongono la sanità quale fine supremo dell’uomo, mentre gli scienziati la normalità.
    I teologo perseguono la santità, quale fine supremo anche quando questa è infarcita di malattie e di deprivazioni,  sofferenze  come quelle di Francesco.
    Il fine supremo che la Chiesa persegue è lo sfruttamento dell’uomo da parte  dell’altro uomo.
    Al contrario il fine supremo della scienza è il bene dell’uomo e di tutti gli uomini, nel cui ambito appartiene anche la qualità della vita.
    I teologi hanno creato il superuomo cristiano.
    È necesario ridifinire  il sistema di valori secondo criteri scientifici
  2. L’indimostrabilità della esistenza del divino.
    I teologi pretendono di dimostrare l’esistenza
    di dio e del soprannaturale mediante il caso Francesco e casi analoghi dichiarati santi ( Lourdes, Fatima, Monaca di Monza, ecc.)
    Assumendo che il sogno, l’allucinazione e il delirio  siano prodotti solo dai santi e dagli  agenti della Chiesa, questa pretende di dimostrare l’esistenza di Dio e del soprannaturale. Essa
    assume  che
    a) allucinazioni, deliri, e sogni siano
    manifestazioni e opere di un ente soprannaturale;
    b) da ciò postulano un ente che le compia:
    Dio.
    La scienza ha dimostrato che questi  fenomeni sono prodotti  natuarali che avvengono in peculiari e specifici condizioni esistenziali sia in natura
    che in laboratorio. Essi hanno prodotto migliaia di allucinazioni e di sogni in laboratorio, con relativi protocolli,  oggi confermati anche dalla PET,  RM, risonanza magnetica e da altre tecniche.

  3. L’indimostrabilità della superiorità del
    pensiero del papa
    .
    Come gli sciamani nel paleolitico, il papa pretende che il suo pensiero sia superiore  a quello degli altri intellettuali, fra cui gli scienziati e i politici.
    A salvaguardia di ciò ha posto il dogmatismo e l’infallibilità del papa.
    Tutto falso. Tutto primitivo. Tutto patologico.
    Dichiarandosi “vicario di dio sulla terra”,  non acquista particolari poteri e abilità.
    Dio è solo un simbolo onirico, ossia la fotografia di uomo  prodotto dal sognatore che e lo ha sognato o prodotto nelle allucinazioni.
    Inoltre, “Dio” appare anche nelle allucinazioni e nei deliri  di soggetti curati in terapia come quelli del prof Scharfetter(1974) ( vedi Bertelli, 2017).
    “Io sono Dio…” nell’allucinazione del paziente-2. Dio apparso nell’allucinazione,  è il Sé  del paziente medesimo, e annuncia che da ora egli è sovrano nella sua personalità, (precedentemente lo era stato la matrigna criminale) e inizierà  a guidare il suo comportamento (Bertelli 2017)..

  4. 8. Patologia del pensiero teologico
       Francesco viene usato per dimostrare la giustezza della teologia elaborata dai teologi e della dottrina della Chiesa.
    Ciò è falso. Tutta la dottrina della Chiesa è falsa, poiché è basato sullo schiavizzazione dell’uomo.

 

  1. La morale bioevolutiva, unica valida.
    La morale cristiana si è rivelata falsa, patologica, nociva. È copmpletamente indegna di  portare il titolo di morale. Al punto che perfino i teologi hanno dovuto costruire una seconda morale, di facciata, pervenendo alla doppia morale, la doppia  norma.

Ma l’uomo ha bisogno di una morale, di un ordine, delle regole secondo cui guidare se stesso e il gruppo sociale.
Questo bisogno può essere soddisfatto solo dall’
etica bioevolutiva, che si basa sul logico sul razionale, sulla normalità.
Ecco alcuni pochi esempi.
Gli scimpanzè, snelli ed eleganti, in normo
peso, con armonioso rapporto sociale, con reciproco rispetto, consumano un pasto frugale.
 

 

 

cardinale 004-iloveimg-cropped (1)

fig. 9: Degli scimpanzé, snelli ed eleganti,
in armonioso rapporto sociale, condividono un pasto frugale  (da: de Waal 2001)
La loro è la morale dell’animale normale, equilibrato, sano di mente.

 

 

 

BIBLIOGRAFIA  SU ETICO-LOGIA e
PSICHIATRIA

 

 

Anastasi,A. (1965):  Psicologia differenziale. Firenze
Giunti e   Barbera
Bandura, A. (1973) Aggression : A Social Learning analisys
Clift, New York ( it. Bandura, A (2000): Autoefficacia,
teoria e Applicazioni, Erikson, Trento.)

Barbagli M. (2013): Prevenire la criminalità
Il Mulino, Bologna

Bertelli,F. (2015a): Cause dell’obsolescenza della
morale cattolica. Blog, www.francescobertelli.it
Bertelli,F. (2015b):  Tratti dell’Etica scientifica.  Blog,
www.francescobertelli.it
Bertelli,F. (2015c):  Criteri di Scientificità. Blog,
www.francescobertelli.it
Bertelli, F. (2016): Gesù tradotto. ( i.c.s.)

Blackham & Silberman A.(1974): La modificazione del comportamento
giovanile. Armando Roma

Boncinelli, E (2009): Il cervello, la mente l’anima.
Milano, Mondadori
Boncinelli, E (2011): La vita della nostra mente.
Latrza, Roma
Corboz, W.(1974): Jugendpsychiatrie. Vorlesungen Zürich
Flores d’Arcais, P.(1992): Etica senza fede.
Flores D’Arcais, P.(2016): La guerra del Sacro. Cortina.

Jores, A.(1981): Psychosomatik Medizin, Huber Berlin

Kahan, V.L.(1974): Malattie mentali dell’infanzia.  Armando, Roma
Katz, L.(2000): (Ed.) Evolutionary Origins of Morality:
Cross-Disciplinary Perspectives
Imprint Academic.
Kitcher, Philip (2005) “Biology and Ethics” in David Copp
(ed.) The Oxford Handbook of Ethical Theory, Oxford
University Press

Kohlberg, L. (1973): The Meaning and the Measurement
of moral developement,

Lalli, N. (1998): Manuale di Psichiatria. Liguori Napoli
Latouche S. (2007):  La scommessa della decrescita. Feltrinelli, Milano
Lorenz, K. ( 1978)L’etologia: fondamenti e metodi
Boringhieri, Torino,
Lorenz,K.(1981): L’aggressività, Euroclub, Bergamo,

Luban-Plozza, B (1971): Der psychosomtische  Kranke in der praxis.  Springer, Berlin

Lutz (1963): Jugendpsychiatrie. Huber,

Mainardi, D.(1974): L’animale culturale. Rizzoli, Milano
Mainardi, D.( 2006): Nella mente degli animali,  Cairo Publishing
Mainardi D.(2009): L’intelligenza degli animali.
Mascaro, S., Korb, K.B., Nicholson, A.E., Woodberry, O.
(2010). Evolving Ethics: The New Science of Good and
Evil. Exeter, UK: Imprint Academic.

Piaget,  ( 1931): Lo sviluppo morale del fanciullo .   Barbera-Giunti, Firenze

Remschimidt, H Dauner I (1979: Kinder- und Jugend- psychiatrie. Thieme,Stuttgardt

Ridley, Matt (1996). The Origins of Virtue. Viking.   ISBN 0-14-026445-0.
Rizzolatti G. e  Sinigaglia,C. (2006).: So quel che fai.
Il cervello che agisce e i neuroni specchio .  Cortina, Milano
Rubinstein, S.L., (1977): Grundlagen der allgemeinene   Psychologie. Berlin, Volk und Wissen.
Ruse, Michael (1993). “The New Evolutionary Ethics”. In
Nitecki, Matthew H.; Nitecki, Doris V. Evolutionary
Ethics.
Albany: State University of New York.
Scharfetter (1974):Psychiatrie Huber, bern

Shermer, Michael (2004). The Science of Good and Evil:
Why People Cheat, Gossip, Care, Share, and Follow the
Golden Rule
. New York: Henry Holt and Company.

Singer, W.(2003): Wahrnehmen, Irren, Vergessen.  Tuebingen, Thiemen
Skinner B.F. (1953): Science and behavior.
Mc Millan, New York

de Waal, F.: (2001): Naturalmente buoni. Il bene
e il male nell’uomo e in altri animali
.
Garzanti, Milano
de Waal, F.:(2008) Primati e filosofi.      Evoluzione e  moralità.  Garzanti, Milano
de Waal, F.:(2011) L’età dell’empatia. Lezioni
dalla  natura per una società più solidale.  
Garzanti, Milano
de Waal, F.:(2013). Il bonobo e l’ateo –  In cerca di umanità fra i primati. Cortina,
Milano

de Waal, F.:(2016) Are we smart enough? .
Wright, R. (1994): The Moral Animal: The New  Science  of evolutionary  Psychology, New –York,
Pantheon

 

FINE

 

Facebooktwitterrssyoutube

About Francesco Bertelli

Check Also

RELIGIONE E SCIENZA A CONFRONTO

SANTITÀ    E    NORMALITÀ. TEOLOGIA    E     SCIENZA.       fig …

One comment

  1. Very interesting article! Thanks to the authors for their work done! Just try not to stretch the image, it’s not very pleasant to look at this.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *