Home / Psicologia didattica / GRANDEZZA DEL MERIDIONE

GRANDEZZA DEL MERIDIONE

GRANDEZZA    DEL   MERIDIONE   NEI   SECOLI.

 

 

 

bty
bty

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fig. 48 : L’Orfismo, faro di luce, ha anticipato di 30 secoli
il  pensiero occidentale (B. Russel 1968).

 

  1. Ufficiale riconoscimento del Meridione quale
    terra normale, come altri paesi;
    2. Ufficiale riconoscimento dei periodi di avanguardia
    culturale economico e morale del Meridione
    a) movimento orfico nei secoli XII e XI  a.C.:,
    b) Grande Meridione  dell’antichiatà:
    VIII-III secoli a.C.
    c) prosperità a livello europeo nei secoli IX e X,
    d) eccellenza sotto i Borbone, 1734-1861.B: EPOCHE DI DECADENZA E DEPRESSIONE
  2. a) sotto i Romani II a.C. all VII secoli d.C.
    b) sotto i Normanni XI fino al XVII secoli
  3. c) sotto i Savoia nell’Ottocento e Novecento.
    Tutti invasori esterni utenti di armi.

Esso presenta le medesime caratteristiche di tutti gli altri popoli. Pertanto non merita caratteristiche e titoli infamanti.

Ufficiale riconoscimento del Meridione quale   terra normale, simile ad altri popoli ed etnie  del pianeta, che ha conosciuto periodi di   massimo splendore culturale e di bassi, secondo  le contingenze storiche dell’epoca

Esso ha avuto alti e bassi. È un popolo come tutti gli altri. Un popolo normale.

  1. Ufficiale riconoscimento dei rilevanti contributi
    culturali ed etici dati dal Meridione nel
    corso   dei secoli  all’Italia e al mondo.
    Nei periodi storici in cui non fu invaso da altri popoli
    aggressori e predatori, il Meridione ha creato e prodotto in tutti i settori del sapere umano. In taluni settori

ha antecipato i tempi  di oltre 30 secoli.

 

Ufficiale riconoscimento del Meridione quale  normale creatore di cultura, scienza ed evoluzione  etica al collettivo umano.

La criminalità addebitata al meridione  è un fenomeno
presente in tutte le regioni italiane, compreso  lo stato  pontificio, e in tutti i paesi del mediterraneo. Essa è “egalitaria ed ubiquitaria”  come ha dimostrato la storia globale di Braudel ( 1986, p. 159-180 ).  Essa non può essere usata quale  mezzo di svalutazione e di calunnia delle genti del meridione.
A: ORFISMO

L’orfismo  ha illuminato le menti e riscaldato il cuore
degli uomini che lo praticarono  fino al Novecento.
Nessuna altra religione redentrice ha avuto tanta influenza quano l’orfismo. Ma in esso tutto è in germe, implicito. I suoi germi saranno sviluppati nel Novecento dagli scienziati.
L’illuminato/Orfeo è stato un grande innovatore sia nel settore del pensiero che in quello dell’etica. Perciò
dagli storici l’orfismo viene  inserito sia nel campo della
filosofia che in quello della religione

L’insegnamento dell’Illuminato/Orfeo  calabrese ha influenzato  lo sviluppo della cultura, della storia e degli stili di vita  della giurisprudenza  ( vedi Zaleuco ) in tutto il mondo greco e più tardi di quello latino.

 

B: ELABORAZIONE CAUSALE  DEI PROBLEMI

L’Illuminato/Orfeo  calabrese non solo cercò rimedi
al dramma degli abbandonati, il che costituisc una elaborazione sintomatica del problema (assistenzialismo), come fecero tutte le religioni redentrici dell’antichità oltre un ventina ( l’adonismo, l’osidiridismo in Egitto, ila parsismo e il mthraismo in Persia, il buddismo in Inda e Asia ecc)
ma egli elaborò anche un trattamento causale, suggerendo
la continenza sessuale per prevenire figli in esubero e
quindi la terribilissima condizione di abbandono
o di carente assistenza ai figli.
Repressa e ostruita dal cristianesimo i principi
etici e universalit dell’orfismo verranno sviluppati
nel Novecento dagli scienziati di varie discipoine, riconoscendeo i diritto del nascituro e mediante lo sviluppo  di 26 anticoncezione che permettono il controloo delle nascite. Gli orfici proposero e praticarono
il-tira-laccio ( metafora per il coito interrotto).

Ciò implica una intelligenza superiore che riesca a cogliere le “relazioni immediatamente non percepibili
tra sessualità e malattia mentale  ( Boss, 1972; Kostjuk, 1969), Solo le intelligenze superiori producono concetti astratti, (DSM-5, 1996). I disabili intellettivi, gli imbecilli non ne sono capaci.
L’Illuminato/Orfeo calabrese  fu un intellegenza eminente.
C: PITAGORA E LO SGANCIO DALLA ISTINTUALITÀ,
DALLA BELLUNITÀ

«Non so di nessun altro uomo [riferito a PITAGORA n.d.a.]  che abbia avuto altrettanta influenza nella sfera del pensiero. […]. L’intera concezione di un mondo eterno rivelato all’intelletto, ma non ai sensi, deriva da lui.[. . .]   Ma in lui tutto ciò è ancora implicito scrive il filosofo e matematico  Russel B. (1968), premio Nobel.
(Russel, 1968, Storia della filosofia, vol. I,  p. 49)

I detrattori del meridione sono soggetti psichiatrici,
affetti da varie e gravi disturbi psichici: Lombrofogna
affetto da imbecillità e disabilità etica,( vedi 2.3.),
all’estero oggetto di diprezzo e di burla in Itallia
idoltrato quale super-scienziato; Vittofogna E. II di Savoia, ( vedi 1.20.) affetto da imbecillità  e da
disabilità etica, pluricriminale verso i propri familiari e
verso il popolo italiano. E molti altri ( vedi
Aprile 2010, 2011, 2016, 2018).

Bisogna sfatare le falsità storiche scritte  e quelle che si continuano a scrivere contro il sud.
Giornalistuculi, come Lombrofogna loro maestro e guida,
che usano la calunnia, lo scalpore, il sensazionalismo  quale strumento  per attrarre lettori e crearsi il mito del grande giornalista ( Bocca  e compagni…). Questi soggetti
hanno sostituito i profeti dell’AT, i quali si credevano
inviati di Dio in persona. In realtà essendo figli abbandonati erano affetti da gravi malattie mentali. E le loro  esternazoni attribuite a dio, erano allucinazioni  e deliri.
Non senza conseguenze.
L’uomo e la cultura occidentale sono ufficialmente entrate in crisi.
“La democrazia è in ospedale in prognosi riservata
(S. Romano, 2019).
Alla sua malattia ha conTribuito anche Lombrofogna.

Facebooktwitterrssyoutube

About Francesco Bertelli

Check Also

CRIMINI DI VITTOFOGNA E. II DI SAVOIA

CRIMINI    DI   VITTO-FOGNA E.   II    di   SAVOIA         fig. 33: …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *