STILI DELL’ INSEGNANTE

    STILI    DELL’  INSEGNANTE   Le ricerche  di Flander (1969, in Klausmeier, 1974) hanno confermato che nei rapporti tra docente e studente  possono sorgere tensioni affettive, che hanno conseguenze negative sull’apprendimento. In particolare egli analizzò la dominanza, raggruppando i modelli di comportamento in tre poli: 1) stile autoritario, …

Read More »

STRATEGIE CORRETTIVE

STRATEGIE    CORRETTIVE   Correzione preventiva, correzione anonima, correzione vicaria, correzione reciproca, tra allievi, correzione al computer.     Correzione preventiva. L’insegnnte esperto della propria disciplina sa che vi sono degli argomenti dove si commette spesso errori. Trattando questi temi sarebbe bene che in anticipo spieghi, somministri molti rinforzi segnaletici …

Read More »

STRATEGIE CORRETTIVE

STRATEGIE CORRETTIVE   Correzione preventiva, correzione anonima, correzione vicaria, correzione reciproca, tra allievi, correzione al computer.     Correzione preventiva. L’insegnnte esperto della propria disciplina sa che vi sono degli argomenti dove si commette spesso errori. Trattando questi temi sarebbe bene che in anticipo spieghi, somministri molti rinforzi segnaletici ( …

Read More »

PSICOLOGIA DIDATTICA GENERALE

   CORREZIONE    DELL’  ERRORE   L’errore  è un’alternativa negativa fra più possibilità  di soluzione di un compito, che può comparire nella fase iniziale dell’apprendimento, ed essere di natura casuale o sistematica.   Il primo non riveste molta importanza  al contrario  del secondo, che può dipendere da diversi fattori psichici: mancanza …

Read More »

PSICOLOGIA DIDATTICA GENERALE

10.4.     TASSONOMIA:     ISTRUZIONE    ORIENTATA   AL   FINE   La didattica ha subito una modifica profonda, mettendo al centro della sua considerazione “il contenuto“ della disciplina  e della lezione. Così oggi dell’istruzione viene sottoposto ad esame critico anche “la materia“, cioè i temi e i …

Read More »

PSICOLOGIA DIDATTICA GENERALE

8.3.4.   MOTIVAZIONE   PERCETTIVA:     ATTRATTIVA    DEL   COMPITO   A:  ECCITAMENTO  SENSORIALE Ognuno organismo ha bisogno  di un  minimo  di energia as-sunte in parte sotto forma di cibo, ossigeno, ecc., e in parte  sotto forma di eccitamenti ambientali. Le pulsioni di curiosità e di esplorazione servono a  questo …

Read More »

MOTIVAZIONE INTRINSECA  ED ESTRINSECA   Questo fenomeno psichico fu suddiviso in due aspetti: motiva-zione intrinseca e motivazione estrinseca. La motivazione intrinseca  è quella forza interiore, emozionale che spinge  l’individuo a far qualcosa per amore di quell’attività e non altri motivi, che ne possono derivare. Essa viene chiamata anche interesse. Persone …

Read More »

MOTIVAZIONE

8.1. NATURA DELLE MOTIVAZIONE.   Il tema ha impegnato e continua a impegnare numerosi stu-diosi:  Bergius, 1971;   Heckhausen, 1974, Deci et al, 1985;  1989; Schiefele, 1974 Csiksentmihalyi 1985;  Postman, 1986, 1992;  Hoffmann et al., 1996;  Perleth,et al. 1999;  Ziegler, 1999; Rheinberg, 2002; Rheinberg et al. 2005; Pekrum et al. 2006;  …

Read More »

AMBIENTE LINGUISTICO IN CLASSE

6.16. AMBIENTE LINGUISTICO IN CLASSE Per ambiente linguistico noi intendiamo un’ aula nella quale sono esposti, appesi alle pareti, pannelli, ritagli di giornali, disegni,  che contengono vocaboli, frasi, oggetti che si riferiscono all’argomento trattato . Es. nella fig x sono  esposti un ritaglio di giornali che rappresenta la raccolta dell’uva …

Read More »

PSICOLINGUSTICA SCIENTIFICA

  6.15.   DISCORSO EPISTEMICO DELLO STUDENTE Il discorso epistemico può essere esercitato dallo studente da solo nella varie situazioni della vita: al chiosco con il vnditore di giornali, al supermercato, ponendo domande al commesso o al commesso della cassa, a un passante, in ufficio, nel taxi, alla banca ecc Esso …

Read More »